Scandal


Shonda Rimes, creatrice di “Grey’s anatomy” e del rispettivo spin-off “Private Practice”, ha sfoderato un altro successo, “Scandal”, che finalmente approda in chiaro anche in Italia a partire da oggi in prima serata su Rai 3, con i 7 episodi della prima stagione... intanto in America è partita lo scorso 3 ottobre la terza serie, composta da 22 episodi. La serie narra le vicende di Olivia Pope (Kerry Washinton), donna di forte temperamento, che lotta per mantenere intatta l’immagine dei “volti pubblici” del Paese. Ex direttore delle comunicazioni della Casa Bianca, lascia il posto di lavoro per creare la Olivia Pope & Associates, tentando così di forgiare una nuova vita e cercando di cancellare un passato troppo doloroso. Accanto a lei creerà una squadra di associati, anche loro con diversi problemi da risolvere e con una reputazione da ristabilire: gli avvocati Harrison Wright (Columbus Short) e Stephen Finch (Henry Ian Cusick), l’investigatrice Abby Whelan (Darby Stanchfield), l’hacker con un passato da killer, Huck Finn (Guillermo Diaz) ed infine l’ultima arrivata Quinn Perkins (Katie Lowes), legale dal passato misterioso che verrà ben presto scoperto dai suoi colleghi. Si capisce fin da subito che tutti loro sono disposti a fare qualsiasi cosa per Olivia, senza pensarci su due volte. Gli episodi si svolgono attraverso la risoluzione di un diverso caso per volta, ma il filo conduttore che lega le varie puntate ci racconta delle vite passate dei vari associati, concentrandosi soprattutto ed ovviamente, su quella di Olivia, visto che il motivo basilare per cui ha lasciato il lavoro alla Casa Bianca è collegato alla sua relazione (non tanto segreta) con il Presidente Fitzgerald Thomas Grant III (Tony Goldwyn), di cui erano a conoscenza sia la moglie, la First Lady Mellie Grant (Bellamy Young), che il capo dello staff presidenziale, il cinico e subdolo Cyrus Beene (Jeff Perry).



Durante la prima stagione, una donna di nome Amanda Tanner (Liza Weil) si presenterà allo studio di Olivia dicendo di essere incinta e che il figlio di cui è in attesa apparterrebbe al Presidente degli Stati Uniti d’America. Da questo momento il passato di Olivia tornerà drammaticamente a galla, riportandola a quella vita da cui stava tentando in tutti i modi di allontanarsi. Durante la seconda stagione invece, l’attenzione si concentrerà sulle elezioni del Presidente degli Stati Uniti: tutto è davvero così limpido come sembra? Olivia Pope dovrà affrontare una tanto temuta fuga di notizie sulla sua relazione con il Presidente USA. A portare scompiglio al già complicato quadro, l’arrivo del padre di Olivia: Rowan (Joe Morton), capo dell’organizzazione segreta B613. La terza stagione, nei primi due episodi, parte proprio dalla fine della precedente, infatti, si andrà più a fondo nella relazione tra padre e figlia, ma ogni episodio sarà pieno di nuovi avvenimenti in cui si svilupperanno tanti punti interrogativi, così come ha spiegato in un’intervista la stessa Shonda Rimes, creatrice della serie, poco prima della messa in onda statunitense: “Quando il primo episodio della terza stagione andrà in onda, avremo un problema, ma quando finirà, i problemi saranno cinque, in uno stile tipico da Scandal”. Non vi sveliamo più di questo perchè ovviamente in Italia questa sera andrà in onda la prima puntata della prima serie.


L’incipit è d’impatto e ben strutturato, ma non è fondamentalmente una novità nel mondo dei legal-drama. Già delle precedenti serie tv avevano tentato di insediarsi nella Casa Bianca, raccontando le vicende che si insidiano dietro i falsi sorrisi televisivi dei vari presidenti americani. Ma in questo caso il successo forse è dovuto alla presenza di personaggi ed attori molto forti ed incisivi, che rendono la storia accattivante e misteriosa. Dei personaggi, di puntata in puntata, scopriremo sempre nuovi volti… le vere facce che si celano dietro maschere insospettabili: un reverendo trovato morto in un albergo, con una moglie ed una amante che vuole rivelare al mondo la loro relazione durata 15 anni; una studentessa scomparsa nel nulla che era stata a letto con molti senatori e che scriveva del sesso con loro su un blog; il figlio di una milionaria accusato di stupro… e molti altri casi che girano intorno la “White House”. Al momento Scandal, resta il legal-drama più seguito negli Stati Uniti, con un raiting del 3.3% e con più di 10 milioni di telespettatori. Cifre che molti telefilm si sognano di raggiungere.


Personaggi e doppiatori:


  • Olivia Pope (Olivia Manescalchi)
  • Harrison Wright (Diego Baldoin)
  • Abby Whelan (Anna Lana)
  • Quinn Perkins (Valentina Pollani)
  • Huck (Luca Ghignone)
  • Presidente Fitzgerald Thomas Grant III (Alessandro D’Errico)
  • Cyrus Beene (Massimiliano Lotti)
  • First Lady Mellie Grant (Anna Radici)
  • David Rosen (Roberto Accomero)
  • Stephen Finch (Lorenzo Scattorin)



Commenti