Nicolas J Roncea - Eight


Per fare un disco riuscito con voce, chitarra e pochissimi orpelli, serve in primis che le canzoni siano grandi canzoni, che testo e musica si sposino a meraviglia, serve che non si assomiglino, neanche lontanamente, che riesca a esser nuovo il più possibile e che il minimo sindacale, ovvero cantato e strumento sia garantito "su livelli eccellenti" e che, sembra una stupidaggine ma non lo è affatto, che il tutto abbia il senso della misura, a cominciare dalla durata dei singoli brani all'album vero e proprio. "Eight" (Prima parte di un più ampio progetto che dovrebbe prevedere altri due album) di Nicolas J Roncea, riesce con apparente naturalezza a mettere insieme queste qualità, con canzoni di pregevole fattura, senza scimmiottare nessuno, varie nella forma e nella sostanza, suonate e cantate come Dio comanda. Otto brani semplici e diretti che hanno il dono della piacevolezza, che riscaldano il cuore, visitando luoghi incantati dell'anima, tra immagini e suggestioni. A cominciare dall'iniziale "Forever with the ghost": una ballad folk, dall'arpeggio deciso condito da venature country, con una leggerissima distorsione nel ritornello, diretta e coinvolgente così come "Sand in my eyes": che ha variazioni in minore degne di nota nel ritornello. "The storm": mischia arpeggi più accelerazione ritmica nel ritornello, risultando ampiamente godibile. Passiamo così all'evocativa "Find me": con la chitarra a punteggiare lirica e intensa nel suo librarsi nella melodia sospesa del ponte per un ritornello suggestivo ancora in minore che sfocia nell'incedere ipnotico di "He's wrong": affascinante, mentre "Mari J.": ha atmosfere complici, quasi intime, per strofa dalla melodia rassicurante e ritornello incisivo.  E si chiude in crescendo con "December": quanto mai variegata, dissonante, dal mood sfocato e oscuro e "Animals were": sorta di ninna nanna, cantata con voce cupa e potente, col pianoforte che compare nel ritornello e prosegue a conferire solennità. In attesa della seconda parte, "Eight" insomma, è un vero e proprio gioiellino, a conferma di un autore di grande talento.

Commenti