Questo è il mio Paese di Michele Soavi


“Questo è il mio Paese” è una fiction tv coraggiosa. Puntando sull'aspetto “amministrativo” di un paesino del sud Italia, siciliano per la precisione, anche se il cast ha girato principalmente a Calura, in Puglia, Rai Uno ha scommesso sulle vicende di un sindaco donna alle prese con tutti i problemi vecchi e nuovi che si muovono in una piccola realtà, forse anche abbastanza arretrata. La storia ideata da Sandro Petraglia ed Elena Bucaccio, per la regia di Michele Soavi, parte da Anna Pozzo, interpretata da Violante Placido, che torna nel suo paese di origine dopo una brillante carriera da studentessa e dopo aver costruito una famiglia con suo marito Lorenzo, ingegnere. Insieme hanno avuto tre figli, Nino di 14 anni, Caterina di 7 anni e Chiara, ribelle 17enne. Torna da vice sindaco per la sua amica d'infanzia Emilia, eletta sindaco, ma quando questa si ammala di tumore, deve lasciare il posto ad Anna. Da lì in poi cambierà tutta la sua vita che verrà completamente stravolta. 


Ritroverà il fidanzato d'infanzia Corrado, una figura molto losca col quale ci si aspetterà sicuramente un ritorno di fiamma come da copione, metterà a rischio la tranquillità familiare, troverà anche l'amica Gina, dovrà lottare contro un'opposizione corrotta, contro le famiglie mafiose Cafuero e Malorni e la faida che da anni li contraddistingue, contro il precariato, l'abusivismo, le minacce, gli appalti macchiati e la misteriosa scomparsa, che ritorna, dell'amica Lucia, avvenuta molti anni prima. Da qui si snoda anche una storia parallela, quella d'amore tra Chiara e Cosimo, figlio del latitante Bartolo Malorni, destinato a prenderne le redini. “Questo è il mio Paese” ha tutte le carte della fiction in regola, il drama, il giallo, le storie d'amore, il binomio Giulietta e Romeo che qui si ripresenta in chiave moderna a cui va aggiunta la personalità di un sindaco in gamba che le cose cerca di cambiarle. Qui potrebbe sorgere un buonismo che verrà spezzato, fortunatamente, dai continui flashback che impreziosiscono la serie sin dalle immagini della prima puntata, che mostrano Anna in stato di arresto. 


Lì ci si arriverà nel corso delle puntate. Questa sera ci sarà la quinta e penultima puntata, che si aprirà con la morte di Cosimo interpretato da Cristiano Caccamo. Sarà per il viso che buca lo schermo, molto mediterraneo con lo sguardo latino, Cosimo/Cristiano è diventato man mano la punta di diamante della serie e mai ci si sarebbe aspettata la sua morte. Questa però è stata una coerenza che in altre fiction sarebbe stata omessa, il personaggio sarebbe rimasto in vita scadendo nel buonismo più totale, anche perchè, in una probabile seconda stagione, avrebbe fatto comodo. Ma non è stato così e, nonostante il personaggio di Cosimo attrae, ci fa piacere. Non ci resta che attendere il finale e dopo queste premesse, ci si aspetta molto. Finale che dipenderà dal triangolo Anna-Corrado-Giannino Cafuero, il boss interpretato da Michele Placido, sarà lui che metterà in pericolo Anna.

Commenti