Simone Cristicchi in libreria con "Il secondo figlio di Dio"


Si intitolerà “Il secondo figlio di Dio” (Mondadori) e sarà il primo vero romanzo di Simone Cristicchi, che non è di certo nuovo alla letteratura. Infatti arriva in libreria dopo “Centro di igiene mentale”, “Mio nonno è morto in guerra” e “Magazzino 18”, che erano un mix tra saggio e romanzo, in cui il nostro ci faceva entrare rispettivamente nel mondo dei manicomi italiani, nella seconda guerra mondiale e nella storia degli esuli d'Istria, Fiume e Dalmazia. Ma anche dopo “Dialoghi incivili” e “Santa Flora Social Club”, libro e cd insieme, Cristicchi adesso ci racconterà invece della vita di David Lazzaretti, l'ultimo eretico. 
La storia è ambientata nella seconda metà del diciannovesimo secolo e l'introduzione narra così: “La verità è che non so più chi sono dopo aver incontrato David Lazzaretti. I suoi occhi mi perseguitano, la sua voce mi accompagna a ogni passo. Ci siamo sfiorati per pochissimo tempo, un istante. E all’inizio pensavo di avere davanti un barrocciaio ignorante a cui aveva dato di volta il cervello. Lazzaretti ha devastato ogni mia certezza, annichilendo in me tutto ciò che ritenevo importante. Per questo ho cominciato a scrivere. Per raccontare una morte. E una vita che è iniziata nell’istante esatto in cui ci siamo sfiorati. Ma non pensate a me come un uomo saggio. Io sono solo un soldato, obbedisco agli ordini. E io, David Lazzaretti, l’ho ammazzato. Ma al posto suo, il 18 agosto 1878, ai piedi del Monte Labbro sono morto io”. Il romanzo sarà in tutte le librerie dal 15 novembre prossimo.

Commenti