Man with a Plan vs Last Man Standing, serie tv a confronto


Una è di questa stagione televisiva, l'altra di ben 6 anni fa, ma le differenze sono veramente poche: “Man with a Plan” della CBS e “Last Man Standing” - che in italiano diventa “L'Uomo di Casa” e che va in onda da lunedì scorso su Italia Uno - della ABC raccontano praticamente la stessa storia, ma con attori diversi, in entrambi i casi però il fulcro della trama sono sempre i papà. In “Man with a Plan” il protagonista è Matt Le Blanc – qui anche produttore esecutivo – che torna in tv nel ruolo di Adam, padre spesso assente che si trova da un giorno all'altro a dover effettivamente fare da papà perché la moglie, Andi (Liza Snyder), decide, dopo alcuni anni da casalinga, di tornare a lavorare, il tutto mettendo in tilt i tre figli: Kate (Grace Kaufman), tredicenne con gli ormoni impazziti, Teddy (Matthew McCann), ragazzino con le mani sempre nei pantaloni e Emme (Hala Finley), bambina molto sveglia. A loro vanno ricordati anche Marie (Jessica Chaffin) e Lowell (Matt Cook), coppia di genitori amici di Adam e Andi. 


In “L'Uomo di Casa” il protagonista è invece il famoso Tim Allen, non di certo nuovo nel mondo delle sitcom: tra il 1991 e il 1999 Allen è stato protagonista di “Quell'Uragano di Papà”, diciamo che il ruolo è rimasto più o meno identico. Qui l'attore interpreta Mike Baxter, uomo dalle idee molto tradizionaliste che lavora in un negozio di caccia e pesca chiamato Outdoor Man e che vive in una famiglia di sole donne, con una moglie, Vanessa (Nancy Travis) e tre figlie: Kristin (Amanda Fuller), Mandy (Molly Ephraim) e Eve (Kaitlyn Dever). Kristin è la più grande ed è una madre single, Mandy è la secondogenita, ragazza molto superficiale e alla moda, Eve invece è la più piccola e caratterialmente molto simile al padre. A loro bisogna aggiungere Ryan (Jordy Masterson), padre del figlio di Kristin; Kyle (Christoph Sanders), giovane dipendente dell'Outdoor Man che prima avrà una relazione con Kristin e poi con Mandy; ed infine Ed (Héctor Elizondo) proprietario dell'Outdoor Man e migliore amico di Mike. 


“L'Uomo di Casa” ha già all'attivo 130 episodi e sei stagioni, “Man with a Plan” invece è appena nato – la prima stagione è composta da 19 episodi – ma non dovrebbe avere problemi di rinnovo. Il successo in questo caso è saldamente legato a trame ben solide e ripetute con esiti positivi da almeno trent'anni: prendi una famiglia, un papà divertente, dei figli che combinano perennemente guai, una moglie che sopporta apparentemente a fatica ed ecco che nasce la classica situation comedy da 1.5 punti rating che riesce a trascinarsi per diverse stagioni, ma che noi sinceramente fatichiamo a seguire, perché prediligiamo le serie che mettono in scena qualcosa di nuovo e originale, in entrambi i casi che oggi abbiamo messo a confronto invece sa tutto di attempato e logoro.

Commenti