Serie tv: alla scoperta dei Pilot della ABC


Mancano due mesi agli upfront di maggio e i network cominciano a scaldare i motori e diffondere in rete tutte le possibili tracce di questo percorso lungo circa 60 giorni. Oggi cominceremo con la ABC che ha un bel pò di Pilot messi in cantiere, ma ovviamente solo alcuni di essi verranno premiati e trasformati in vere e proprie serie. In proposito possiamo già dire che di due di queste è stata ordinata una stagione intera che vedremo in tv tra il 2017 e il 2018, stiamo parlando di “Marvel's The Inhumans” e “Ten Days in the Valley” un fantasy ed un drama, il primo ordinato in 8 episodi ed il secondo in 10, almeno per il momento. Marvel's The Inhumans” racconterà la storia di Black Bolt e della famiglia reale, composta dalla moglie Medusa, il fratello Maximus e il cugino Karnak. Ricordiamoci che stiamo parlando di Marvel quindi i “poteri” sono dietro l'angolo. Nel cast: Anson Mount (Black Bolt), Serinda Swan (Medusa), Iwan Rheon (Maximus) e Ken Leung (Karnak). Sceneggiatore e produttore: Scott Buck. Ancora Comics quindi, nonostante gli ultimi dati di ascolto non stiano premiando “Agents of SHIELD” e “Powerless”.


“Ten Days in the Valley” è invece un drama che racconta la storia di Jane Sadler (Kyra Sedgwick), produttrice di un poliziesco per un canale via cavo e madre single. Una notte però la figlia sparisce ed il mondo reale e televisivo di Jane si sovrappongono, tutti sembrano nascondere un segreto ed è complicato capire di chi ci si possa fidare. Crea Tassie Cameron. Passiamo alle altre possibili serie messe in cantiere. Iniziamo dai Drama: “The Crossing” narra la storia di alcuni rifugiati che arrivano in una cittadina americana chiedendo asilo politivo. La particolarità è che questi individui stanno scappando da una guerra che scoppierà negli Stati Uniti soltanto tra 250 anni. Protagonista sarà Sandrine Holt (“MacGyver”), mentre alla regia ci sarà Rob Bowman, alla sceneggiatura e produzione: Dan Dworkin, Jay Beattie e Jason Reed. Deception” racconta la storia di un famoso illusionista la cui carriera viene rovinata da uno scandalo. Deciderà così di collaborare con l'FBI diventando il primo illusionista consulente di un'agenzia governativa. Insomma una specie di “White Collar” 2.0. L'illusionista si chiamerà Cameron Black ed avrà il volto del giovane Jack Cutmore-Scott, l'agente dell'FBI che si occuperà di lui sarà Key Daniels, interpretato da Ilfenesh Hadera. Sceneggiatore: Chris Fedak. Produce: Greg Berlanti (lo stesso di “Supergirl”, “Flash”, “Arrow”, ecc ecc).

Ilfenesh Hadera

Di “Doomsday” se ne parla ormai da tanto. Ancora il post 11 settembre protagonista di una serie tv. In questo caso la storia che ci viene raccontata è quella di un gruppo di brillanti scienziati, artisti e creativi che viene arruolato per formare una squadra che possa essere in grado attraverso particolari algoritmi di creare possibili scenari catastrofici e prevenire possibili attacchi al Paese. Il gruppo però diventerà presto più una minaccia che un aiuto, quindi il progetto viene smantellato e la lista segretata. Anni dopo però una di quelle catastrofi previste dalla squadra suddetta si realizza davvero, quindi il team viene rimesso in piedi. Nel cast: Dan Byrd (“Cougar Town”), Jack Davenport (“Flash Forward”, “Smash”), Rachelle Lefèvre (“Under the Dome”), Taye Diggs (“Private Practice”, “Murder in the First”) e Claire Holt (“The Vampire Diaries”, “The Originals”, “Aquarius”). Sceneggiatori: Mark Bianculli e VJ Boyd. “The Good Doctor” è la rivisitazione di uno show coreano che vede al centro la storia di un chirurgo con la sindrome di Savant: idiota sapiente. Freddie Highmore, già protagonista di “Bates Motel” qui interpreta un nuovo arrivato nel team di un reparto di chirurgia pediatrica di un prestigioso ospedale. Insieme a Highmore nel cast anche Nicholas Gonzales e Antonia Thomas. La rivisitazione è affidata a David Shore.


Freddie Highmore
“The Gospel of Kevin” è una dramedy con protagonista Jason Ritter, già visto in “Parenthood”, che qui interpreta un uomo incaricato da Dio per salvare l'umanità. Scampato al suicidio, Kevin, va a vivere dalla sorella gemella, rimasta vedova e lì incontra Yvette, guerriera di Dio incaricata di guidare Kevin nella sua missione. Ideatori e sceneggiatori: Michele Fazekas e Tara Butters. “Slamander” è tratto da un format belga e racconta le avventure di un misantropico ingegnere che ingaggia un agente della sicurezza nazionale per rintracciare un misterioso ladro che sta derubando le cassette di sicurezza di persone molto importanti. Producono gli stessi di “Zoo”. Cast ancora non pervenuto. Meaghan Rath e Michael Cudlitz sono i protagonisti del Pilot di “The Trustee”, dramedy con una coppia formata da una detective cocciuta e un detenuto affidato al distretto di polizia dove lavora la Rath, per la conclusione del suo periodo di condanna. I due sono molto diversi, ma formeranno insieme una coppia imprevedibile e divertente. Tutto già visto.

Reba McEntire
Marc Cherry, padre di “Desperate Housewives” e “Devoius Maids” torna con questo drama ancora senza titolo che vede protagonista Ruby Adair, sceriffo di una cittadina del Kentucky che si troverà catapultato nei meandri di una cittadina del sud ricca di personaggi bizzarri, ognuno con un segreto da nascondere. Lì troverà un alleato in Tag Fayad, giovane agente dell'FBI di origini mediorientali. Ad interpretare i due protagonisti ci sono Reba McEntie e Saamar Usmani. Nel cast anche: Jack Coleman (“Heroes”) e Ryan McPartlin (“Chuck”). Anche Shonda Rhimes ha messo in campo un nuovo progetto (ancora senza titolo). Si tratta ancora una volta di un legal ambientato a New York, con un gruppo di giovani avvocati già definito da molti un Grey's Anatomy legal. Il cast molto numeroso comprenderà: Britney Oldford, Ben Rappaport, Anna Deavere Smith, Susannah Flood, Wesam Keesh, Hope Davis, Vondie Curtis-Hall, Regè-Jean Page, Lyndon Smith e Ben Shenkman.

Jason Biggs
L'ultimo drama è “Las Reinas”: storia della detective Alex De La Reina (Daniella Alonso) costretta a riallacciare i rapporti con la sua famiglia d'origine che non è altro che una potente organizzazione criminale. La donna quindi dovrà confrontarsi con i doveri da poliziotta e quelli familiari. Creato da Dean Georgaris e produtto da Mark Gordon. Passiamo adesso alle comedy ed iniziamo da “Charlie Foxtrot”, creato da Sam Sklaver, che ci fa entrare nel mondo militaresco, raccontandoci le avventure (e disavventure) del capitano Charlie Taylor (Jason Biggs), un gentile dentista che decide di prendersi cura della cognata Angelina (Ana Ortiz) e dei nipoti dopo la morte del fratello in Iraq. Il ritorno di Jason Biggs in tv dopo le prime stagioni di “Orange is the New Black” non può che farci piacere. “Jales VS: Everybody” ci racconta la vita di un ex star dell'NBA, Jalen Rose, che nella sitcom interpreterà se stesso e la sua attuale vita da commentatore sportivo, alle prese con l'essere anche un padre single. Nel cast anche Anna Maria Horsford, Marla Gibbs, Kelly Jenrette, Jessica McKenna, Rich Sommer e Laysla De Oliveira. Sceneggiatore e produttore Nahnatchka Khan. “Losing It” ha ancora una volta per protagonista una famiglia con tre fratelli adulti ed i loro genitori ormai sulla soglia della senilità. Il cast al momento è composto solo da Natalie Morales. Crea: DJ Nash. Pronto anche lo spin-off di “The Goldbergs”, una delle sitcome più seguite della ABC ambientata negli anni '80, ora potrebbe vedere nascere da una sua costola un'altra serie ambientata invece negli anni '90 e che seguirà le vicende di due insegnanti che lavorano nello stesso istituto frequentato da Adam (Sean Giambrone) di “The Goldbergs”. Ancora senza titolo, la serie sceneggiata e prodotta dalla stessa famiglia del predecessore, avrà nel cast Bryan Callen (“Oz”, “Settimo Cielo”). 

Carol Burnett
“Household Name” ci racconterà invece le vicende di una famiglia (tanto per cambiare) che finalmente potrà acquistare la casa dei propri sogni, ma che dovrà convivere con l'attuale proprietaria fino alla sua morte, solo allora la casa potrà diventare di loro proprietà. Ovviamente la proprietaria non è una banale vecchietta, ma un'eccentrica attrice vecchio stampo interpretata da Carol Burnett che nella sua carriera di oltre 60 anni ha vinto 5 Golden Globe e 6 Emmy. Nel cast anche: Matt Oberg, Timothy Omundson e Mary Holland. “Raised By Wolves” è una situation comedy single-camera adattamento dell'omonima serie inglese che racconta la storia di Sheila Gable (Georgia King), madre dal forte temperamento che deve badare a ben 5 figli pestiferi, in una casa diroccata in una cittadina del Midwest. “Start Up” racconta la storia di un padre e marito, Alex, interpretato da Zach Braff, che decide di cambiare completamente vita, da semplice giornalista decide di mettersi in proprio ed aprire una azienda tutta sua con la disapprovazione della moglie Sarah, interpretata da Tiya Sircar. Braff è anche regista, mentre a creare il tutto è Matt Tarses.

Felicity Huffman
“Splitting Up Together”, basata su una serie danese, ci riporta nel mondo dei divorzi, dove una coppia, al momento senza nomi, che sarà interpretata da Jenna Fischer (“The Office”) e Oliver Hudson (“Le Regole dell'Amore”, “Nashville”), si ritroverà a far riaffiorare vecchi sentimenti proprio nel vivo della separazione. Creatrice, sceneggiatrice e produttrice: Emily Kapneck (“Suburgatory”). “Lilly & Malcolm”, narra la storia di due commentatori politici di due partiti opposti che nonostante le divergenze politiche e caratteriali si ritroveranno amanti e ben presto costruiranno anche una famiglia insieme. Sarà bello tornare a rivedere la splendida Felicity Huffman in una serie divertente, qua insieme a Constance B. Vance, Monique Green e Caitlin McGee. Infine un progetto ancora senza titolo, ma che promette bene, creato da Jeremy Bronson, nel quale si racconta la storia di un rapper che naviga in cattive acque e che quindi decide di riabilitare la sua carriera candidandosi a sindaco di una cittadina, ma sorprendentemente verrà eletto, con tutte le disastrose conseguenze che questo comporterà. Il protagonista sarà Brandon Michael Hall e nel cast ci sarà anche la più famosa Lea Michele (“Glee”).

Commenti