Levante - Nel caos di stanze stupefacenti



“Ma se non osi sei noioso sai” e Levante per certi versi non ha alcuna paura di osare, si ascolti la collaborazione con Fedez e J-Ax o il singolone che ha anticipato l'album che alla fine non dispiace più di tanto e pure il libro... come una vlogger qualunque “si scherza” ma “Nel caos di stanze stupefacenti” sembra un disco uscito da una di Amici, brava per carità, ma… altro che ricorda il primo disco, come dichiarato dalla stessa, altro che Levante… Altro che…. Più pop all’italiana di oggi e di così non si può... l’avevamo fra virgolette sponsorizzata, pubblicando i link alle nuove canzoni che avvicinano l’album, venerdì dopo venerdì… rassicurandoci dicendo: “E’ comunque Levante”… Beh… la delusione è tanta, capiamo e conosciamo le ragioni del “mainstream”… meno il non dichiararle apertamente… ma questo è a parer nostro "Nel caos di stanze stupefacenti": un disco pop commerciale... fatto bene per carità, ma questo è, niente di più e niente di meno:


“Caos”: “mi si legge in fronte il caos che ho dentro” per piano e voce, preludio…. e non parte "Charlie fa surf" che sembra lì lì sull'onda
“1996 La stagione del rumore”: “Un sogno che era grande è diventato grandine” sonorità black nella strofa che sfociano in un ritornello decisamente pop… “e io credevo fossi a un passo da me e invece c’era tanto spazio tra me e te” 
“Io ti maledico”: “ho esaurito tutta la pazienza, aspetto senza” mood anni ’80, ritmica e melodia trascinante 
“Non me ne frega niente”: il primo singolo estratto ricorda Meg dei 99 Posse nella strofa, ma ha un testo intelligente che fa soprassedere anche sulla ritmica finto tribale ruffiana: “ho sempre poco tempo per lottare con il modem”
“IO ero io”: “dammi indietro le mie favole” ballad sin troppo standard, con un testo alla Alessandra Amoroso, sembra un brano per l’appunto di… “ come hai fatto a non accorgerti dov’ero a fianco del guerriero fiero e quel guerriero ero”  
“Gesù Cristo sono io “: “ma tu ricordi solo i miei peccati confessa che sei il demonio nella testa che mi trascina sempre giù” testo “da dimenticare” ad essere buoni, per un brano pop arioso e melodico al di la delle apparenze
“Diamante”: “fidati di me davvero ci gira la testa ma ti giuro non cadremo” brano pop italiano moderno… che se non sapessimo che a cantare sia Levante, potrebbe benissimo essere uscito da un talent 
“Pezzo di me”: con Max Gazzè, un beat divertente, “un giorno qualunque mi ricorderò di dimenticarti dentro un cestino" condito da un testo ironico 
“Santa Rosalia”: “osa tu come non hai fatto mai” strofa sognante e ritornello arrembante, il tutto fa molto “Elisa” e non è un complimento purtroppo
“Le mie mille me”: pop rock sbarazzino, retrò, con un testo che "non ha il suo perché”: “salvami dalle mie mille me portami lontano dalle mie mille me”
“Sentivo le ali “: “presto si è fatto tardi io vado incontro a nuovi sguardi” strofa black ancora, che non dispiace, il piglio è giusto, il ritornello si distende soffice e bene comunque… meno il testo “sospesa nell’idea che non mi ami e non arriverà mai domani” altro probabile singolo comunque
“Di Tua Bontà”: “il mondo non riesce a prendermi e non respiro mai oltre il respiro dei tuoi occhi” brano pop rock con ritornello alla Emma: “Che cosa ho fatto di male per meritarmi questa fame di te” non ce ne voglia Levante….

Commenti