"Astor en clave ostile" un omaggio a Astor Piazzolla


OSTILE RECORDS presenta il video “IN MY HEAVEN”
apripista dell’EP “ASTOR EN CLAVE OSTILE”
 fuori il 4 luglio

Guarda il video QUI

IN MY HEAVEN”: un cocktail musicale che fonde rock progressive anni 70, pop, trip-hop e tango e la cui parte melodica è un riadattamento di “Chin Chin” di Astor Piazzolla.
Nel video, datato 2005Paolo AgostaL’aura e Alain Pagani interpretano il brano nella sua versione originale, dal vivo e durante la prestigiosa manifestazione PIAZZOLLA MUSIC AWARD – Casale Monferrato. L'EP "Astor En Clave Ostile" conterrà una versione appositamente ri-registrata e con una nuova voce femminile.

ASTOR EN CLAVE OSTILE”: 5 tracce che testimoniano la fusione inevitabile tra il mondo di Ostile Recordsche negli anni ha prodotto tra gli altri L’AuraMistonocivoBlastema e Casablancae quello di A. Pagani Edizioni Musicali & Discografichepublisher/label che sin dagli anni 70 ha realizzato alcuni dei più grandi successi di Astor Piazzolla, oggi di fama mondiale. 

Il 4 luglio 1992 si spegnava Astor Piazzolla, genio argentino che ha evoluto il tango, con tecnica e contaminazioni, elevandolo a genere universalmente riconosciuto e apprezzato. La vita umana e professionale di Astor è stata fortemente legata ad Aldo Pagani e alla sua A. Pagani Edizioni Musicali, la quale, a sua volta, è radice profonda della più innovativa Ostile Records, fondata e guidata dal figlio Alain Pagani. Ostile Records vuole celebrare il ricordo e la carriera di Astor con un EP rappresentante un ponte immaginario tra la classicità del lavoro piazzollano e la contemporaneità del proprio repertorio. Nasce quindi “ASTOR EN CLAVE OSTILE”. Cinque momenti artistici in cui passato e presente si fondono, cinque brani che vedono gli interpreti più “impensabili” confrontarsi con l’ispirazione del Maestro argentino: Paolo Agosta, Matteo Casadei dei Blastema, Max Zanotti dei Casablanca, Tullio De Piscopo, Peter Soave, i Mistonocivo, il quartetto Espace Tempes (già vincitore del prestigioso Piazzolla Music Award) e lo stesso Alain Pagani, tutti impegnati a tradurre nella propria chiave la musica di Astor. Per salutarlo, nel 2017.








http://www.lilithassociazioneculturale.it/

Commenti