Wrecked (Tbs)


- “Devo andare via da qui, da quest'isola. Non posso stare qui. Non posso stare nello stesso posto con questa gente. Devo mappare l'isola!”
- “Bella idea. Verrò con te... potremmo cagare ovunque, amico!”




Creata da Jordan e Justin Shipley per la Tbs, “Wrecked” è una chiarissima presa per i fondelli di una serie cult come “Lost” che è stato successo mondiale tra il 2004 ed il 2010. “Wrecked” ripropone la stessa storia, più o meno gli stessi personaggi, lo stesso totale poco chiaro significato, il tutto in chiave ironica e demenziale. Arrivata alla seconda stagione, la serie parte anche qui da un aereo che precipita, da una spiaggia in cui alcuni dei passeggeri si ritroveranno apparentemente sani e salvi. 


Troveremo il finto poliziotto col terrore dei cadaveri, Danny Wallace (Brian Sacca), Owen O'Connor (Zach Cregger), impacciato stuart poco incline al comando e completamente inesperto e pigro, Pack Hara (Asif Ali), maniaco della tecnologia, Steve Rutherford (Rhys Darby), rimasto ferito, sarà costretto a camminare con le stampelle, così come il famoso John  Locke di “Lost”, poi ancora la pazza e coraggiosa Karen Cushman (Brooke Dillman) che nasconde un segreto importante, l'intraprendente Emma (Ginger Gonzaga) e la svampita Florence (Jessica Lowe), compagne nella vita, entrambe rimaste illese dallo schianto ed infine Todd (Will Greeberg) e Jess (Ally Maki), marito e moglie continuamente in lotta tra di loro. La serie composta al momento da 20 episodi è divertente e scorrevole, immersa tra mare e dialoghi completamente insensati, con una serie di personaggi intriganti e buone interpretazioni nonostante il cast sia prevalentemente composto da attori poco conosciuti e con poca carriera alle spalle. 


Forse il somigliare troppo a “Lost” non ha dato l'effetto che Jordan e Justin Shipley avrebbero voluto mostrare, la sensazione infatti è quella di vedere uno show molto simile ad un altro, ma solo con la diversità della chiave ironica, forse una caratterizzazione diversa dei personaggi rispetto alla serie dalla quale essa trae spunto sarebbe servita a dare quel pizzico di originalità in più, non che non ci siano idee interessanti, ma è ovvio che certe cose facciano immancabilmente venire in mente un'altra isola, un'altra storia, altre persone, ma restando sempre in un contesto limitante. “Wrecked” è quindi una serie gradevole, con una narrazione costruita in maniera fluida e veloce, ma senza grandi innovazioni. Dal 27 settembre anche in Italia su Mediaset Premium.

Commenti