“Auguri per la tua morte” di Christopher Landon


“Auguri per la tua morte” di Christopher Landon. è l’ennesima riproposizione in chiave “horror teen movie” abbinata a “Ricomincio da capo” dove la protagonista rivive la stessa giornata, nella quale in questo caso viene uccisa: “ Davvero non hai mai visto Ricomincio da capo?” Come a dire che quanto meno c'è coscienza di ciò. E dove si cerca qua e la di disseminare sottotesti, che non vengono sviluppati, ma meno male verrebbe da dire, visto che si tratta di rapporti familiari che lasciano il tempo che trovano e che non hanno alcuna attinenza con la storia e che bastano e avanzano per non c'entrarci niente, Per il resto, tutto è azione, tutto procede spedito, fino alla sorpresona finale,  prevedibile per i più avvezzi, più che altro perché “il primo colpevole” è davvero senza alcuna logica narrativa. Filmettino senza pretese, fatto anche bene per gli appassionati del genere, anche se ci viene spontaneo chiedersi quale sarebbe il genere e il pubblico di riferimento. Vi lasciamo con le imperdibili migliori frasi del film:

“- Oggi è il primo giorno del resto della tua vita”
“- Ho dei pazienti - Io non sono paziente”
“ - Sto avendo un dejavu pazzesco - Succede quando qualcuno ti pensa mentre si sta masturbando, ne avrò cinque al giorno”
“- Non si scherza con le troie K”
“- La pianti di guardarmi come se avessi cacato in testa a tua madre?”
“- Dovevi uccidermi quando potevi farlo”
“- Domani ti spiego tutto… se ci sarà un domani”
“ - Che cosa è che desideri? - Domani”

Commenti