Nicola Di Banari: il video di Hallelujah


NICOLA DI BANARI
NELL’HALLELUJAH DI LEONARD COHEN IN LINGUA SARDA

  A pochi giorni dal Natale su tutti i digital store il secondo singolo che anticipa l’album PER AMORE

IL VIDEO  

Ho sentito un accordo segreto, suonato da David e gradito al Signore”, è il primo verso dell’Hallelujah di Leonard Cohen, la più classica delle preghiere moderne,  che oggi, a pochi giorni dal Natale, esce – in tutti i digital store – in una suggestiva versione in lingua sarda che porta la firma di Nicola di Banari. Una traduzione quasi letterale, tranne che per la prima strofa dove l’autore, alla ricerca di questo “accordo segreto”, lo trova in Sardegna nel canto a tenore. A generarlo la somma delle quattro voci e delle loro armoniche che ne creano dal nulla una quinta, che nessuno esegue ma che si sente distintamente. Ed è così che in questo miracolo musicale, quello che Nicola di Banari nel suo testo chiama “il re dei buoi” (appunto, i tenores), intona un Hallelujah. Il canto a tenore è uno stile corale unico al mondo, espressione del mondo agro-pastorale, che dal 2005 è stato inserito dall'Unesco tra i Patrimoni orali e immateriali dell'umanità per la sua unicità e la sua bellezza.
Il brano esce accompagnato da un video che, per le riprese e il montaggio, porta la firma di Eugenio Unida.
Hallelujah è il secondo singolo del cantautore sardo che anticipa l’uscita dell’album PER AMORE (Tronos Digital), prevista per marzo 2018.
Da sempre autore dei Nasodoble, Nicola di Banari – accompagnato dal violinista Peppino Anfossi, con cui da sempre collabora - dà il via ad un percorso personale che si caratterizza da un lato per il sarcasmo e la leggerezza con cui tratta i temi civili e dall’altro per l'intensità delle corde più sentimentali.


CREDITI DEL BRANO E DEL VIDEO 
Voce e chitarra: Nicola di Banari
Violino: Peppino Anfossi
Riprese e montaggio: Eugenio Unida
Registrazione e mix: Andrea Pica
Pline: Tronos Digital

Commenti