Alessio Bonomo racconta "La musica non esiste" il nuovo album in uscita il 26 gennaio

ESCE IL 26 GENNAIO

LA MUSICA NON ESISTE
IL NUOVO DISCO DI ALESSIO BONOMO

(Esordisco – Distr. Audioglobe)


Esce il 26 gennaio per Esordisco La musica non esiste, il nuovo lavoro discografico del cantautore Alessio Bonomo.
12 tracce intense e coinvolgenti composte da Alessio, ma sviluppate e cresciute grazie anche alla fondamentale presenza di Fausto Mesolella che di questo disco, oltre ad aver suonato, ha curato arrangiamenti e produzione artistica.

“A Fausto, nel 2000, fu affidata la produzione artistica del mio primo disco 'La Rosa dei venti' – racconta Bonomo. Da allora non ci siamo mai persi di vista, negli anni ci siamo confrontati, abbiamo scritto canzoni e molte volte abbiamo suonato assieme dal vivo. Spesso ci siamo ripetuti che prima o poi avremmo dovuto rifare un disco assieme; poi un giorno, non molto tempo fa, abbiamo cominciato a giocare nel suo studio di registrazione e lo abbiamo fatto. Mi piace pensare a questo disco come al risultato dell'incontro, cercato e riuscito, tra due mondi, il mio e quello di Fausto”.

In “La musica non esiste”, la poesia del suono creato da Mesolella e quella autorale di Bonomo danno vita ad immagini ed emozioni. Le rose che si vedono in un giardino; la capacità di meravigliarsi ancora per le piccole cose del quotidiano ma allo stesso tempo la consapevolezza di vivere in una realtà violenta e diversa da come ci viene raccontata; l’ideale di un amore così come il tabù della morte, sono solo alcuni dei colori e delle storie di questo disco che, come fotogrammi, imprimono la mente.

Dopo l’improvvisa scomparsa di Mesolella, è stato Tony Canto a prendere il timone e a concludere le registrazioni di questo lavoro che si avvale della partecipazione di Francesco Oliviero al pianoforte e Almerigo Pota al flicorno e che vanta la presenza di compagni di viaggio d’eccezione: gli Avion Travel quasi al completo (Peppe Servillo, Ferruccio Spinetti al contrabbasso, Mimì Ciaramella alla batteria e Peppe D’Argenzio al sax), oltre a Petra Magoni e Alessandro Mannarino.

Per quanto riguarda la parte grafica, il disco si avvale della partecipazione prestigiosa e 'visionaria' dello storico fotografo Piero Marsili Libelli che ha curato l'immagine di copertina e quelle del booklet. 


TRACKLIST

  1. Lettera d’amore
  2. Reality
  3. Le rose
  4. ‘O ‘mbrello
  5. Un lago
  6. Ci vorrebbe qualcuno
  7. Un’altra Italia
  8. L’uomo di spalle
  9. Contatto immediato
  10. Certe vecchiette
  11. Cosa succede quando si muore
  12. La musica non esiste (Fausto)

Produzione artistica e arrangiamenti: Fausto Mesolella 
Postproduzione artistica: Tony Canto
Produzione esecutiva: Pierre Ruiz 
Edizioni musicali: Esordisco 
Etichetta: Esordisco
Fotografie: Piero Marsili Libelli
Artwork: Sebastian Comelli

Credits:
Testi e musiche: Alessio Bonomo*
Produzione artistica e arrangiamenti: Fausto Mesolella**
Postproduzione artistica: Tony Canto
Produzione esecutiva: Pierre Ruiz

Fausto Mesolella: Chitarre acustiche, elettriche, dobro, basso elettrico, armonica, cori, fischio, piano elettrico e programmazioni***
Mimì Ciaramella: batteria
Francesco Oliviero: pianoforte****
Almerigo Pota: flicorno in Lettera d’amore e Ci vorrebbe qualcuno
Ilenia Sciacca: cori

Special guest
Peppe Servillo, Alessandro Mannarino, Petra Magoni: Voci in La musica non esiste
Ferruccio Spinetti: contrabbasso con arco in Un’altra Italia
Petra Magoni: Voce in Un’altra Italia
Peppe D’Argenzio: sax in Contatto immediato

Registrato presso il Gaia Sudio Recording di Caserta
Missato da Vincenzo Cavalli presso il Sonoria Studio Rec di Scordia (CT)
Masterizzato da Claudio Giussani presso lo Studio Energy Mastering di Milano

Piero Marsili Libelli: fotografo
Sebastian Comelli: grafica e artwork
Gabriella Panareo: modella


* Cosa succede quando si muore - musica di Francesco Arpino
Contatto immediato - testo e musica di Arnaldo Antunes, Marisa Monte e Carlinhos Brown
** La musica non esiste - arrangiamento di Tony Canto
*** ’O ’mbrello - Chitarra solista in giro strumentale suonata da Tony Canto
Un lago - chitarra classica suonata da Alessio Bonomo
La musica non esiste - chitarre elettriche e basso suonati da Tony Canto
**** Lettera d’amore - pianoforte suonato da Fausto Mesolella
Certe vecchiette - pianoforte suonato da Alessio Bonomo


*********


Alessio Bonomo racconta “La musica non esiste” canzone per canzone:


1. Lettera d'amore 
È una lettera rivolta ad un interlocutore ideale, qualcuno con cui poter comunicare senza il timore di essere fraintesi.
Lettera d’amore è il brano dal quale Fausto ha scelto di partire per realizzare l'album.

2. Reality
Credo davvero che viviamo, sempre di più, in una realtà alterata, quasi impossibile da decifrare con la logica, dove probabilmente solo l'empatia tra le persone può rappresentare una via fuga e di salvezza. La canzone, forse, racconta di questo.

3. Le rose
Scritta di getto, un pomeriggio, guardando fuori dalla finestra.

4. ‘O ‘mbrello
La riflessione amara di uomo che prova a fare un bilancio della propria vita; ma da napoletano lo fa con ironia e, quindi, in qualche modo 'si salva'.

5. Un lago
La bellezza come antidoto al dolore.

6. Ci vorrebbe qualcuno
Ho cercato di immaginare ciò che davvero renderebbe felici molte donne che ho incontrato. Questa canzone forse è solo un altro modo di raccontare la vecchia favola del principe azzurro.

7. Un'altra Italia
Un'Italia sana e immaginaria che probabilmente non è mai esistita e mai esisterà. Ma alla quale aspirare come Itaca per Ulisse. 
Poi la voce da 'sirena' di Petra Magoni e la poesia dell'arco di Ferruccio Spinetti hanno suggellato l'atmosfera 'omerica' del brano.

8. L'uomo di spalle
L'uomo di spalle del quale parla la canzone, probabilmente, è l'uomo contemporaneo. Un uomo che avendo perso le grandi certezze non ne può trasmettere e quindi vaga in cerca di un equilibrio solitario e nel caso specifico, 'etico'.

9. Contatto immediato
É la mia versione in italiano di 'Contato immediato' di Arnaldo Antunes. É nata da una sfida che quasi per gioco Max De Tomassi mi lanciò durante una puntata della sua trasmissione radiofonica, invitandomi a fare la versione italiana del brano che aveva appena mandato in onda. Trovai subito molto suggestiva la canzone e accettai. Il risultato è quello che potete ascoltare sul disco.

10. Certe vecchiette
Mi ha sempre meravigliato la vitalità e lo spirito di alcune persone molto anziane che mi è capitato di incontrare. 

11. Cosa succede quando si muore
Nasce da un’idea di Francesco Arpino che ne ha scritto la musica. Mi prestò un libro dal titolo 'cosa c'è dopo la morte?' e io d'istinto e in breve tempo scrissi il testo. All'inizio avevo un po' di pudore ad interpretarla, poi l'idea di infrangere il tabù della morte e di farlo da una prospettiva inconsueta, mi ha persuaso a registrarla.

12. La musica non esiste (Fausto)
Scrissi il testo di questa canzone anni fa osservando il modo di suonare proprio di Mesolella e quello dei musicisti che come lui, avevano, a mio avviso, un modo toccante, preciso, ma completamente istintivo e viscerale di suonare, tanto da farmi pensare, mentre li ascoltavo, che stessero in realtà utilizzando la musica per parlare d'altro; di qualcosa che senza lo strumento tra le mani sarebbe rimasto inesprimibile.

Per questa canzone, un grazie particolare va a Tony Canto per aver portato a termine in maniera magistrale un arrangiamento che Mesolella aveva lasciato appena abbozzato. Un grande grazie va anche a Peppe Servillo, Alessandro Mannarino e Petra Magoni per aver regalato al brano le loro inconfondibili voci.

Commenti