"Andrea Parodi" a Sarule dal 1° aprile la mostra itinerante


Sarà a Sarule a partire dal 1° aprile la mostra itinerante su Andrea Parodi, la “voce della Sardegna”, in occasione della prima data del tour 2018 dei Tazenda, la band con la quale l’artista sardo era arrivato alla grande notorietà prima di cominciare la strada solistica nell’ambito della world music, collaborando fra l'altro con artisti come Al Di Meola e Noa.
La scelta di Sarule non è casuale, dal momento che è il paese della provincia di Nuoro che ha dato i natali a Barore Sini, l’autore del testo di "No potho reposare", il brano che Parodi ha fatto conoscere al mondo.
Dichiara infatti l’assessore Maurizio Sirca: “è un onore per la Comunità ospitare il Museo multimediale dedicato alla voce che ha impresso nel cuore di ogni Sardo la canzone d’amore più bella di sempre. Un’intuizione della Leva e della Pro Loco che ci rendono orgogliosi e fiduciosi per il futuro culturale di questa piccola e fortunata comunità, Sarule, paese di ‘No potho reposare’.”
Si tratta di un vero e proprio spazio multimediale che racconta il percorso umano e artistico di Parodi, evoluzione di una mostra inaugurata nel 2011 all'Antico Palazzo di Città di Cagliari e che ha già toccato vari centri della Sardegna.
Continuano intanto le adesioni al bando del “Premio Andrea Parodi”, l'unico concorso italiano di world music, organizzato dall'omonima Fondazione con la direzione artistica di Elena Ledda. Le finali, quest'anno, sono in programma dall’8 al 10 novembre a Cagliari al Teatro Auditorium Comunale.

Commenti