The CW, i Pilot delle serie tv in attesa degli upfront di maggio



Il network adolescenziale per eccellenza scende in campo quest'anno con molti più Pilot degli anni precendenti, probabilmente a causa di un'annata decisamente sottotono per quasi tutte le novità messe in piazza nella stagione 2017/18, ma anche per i cali notevoli di audience subiti dalle serie che negli anni precedenti erano stati un “successo”. Tra reboot che ci auguriamo non vengano ordinati a serie e Pilot poco originali, queste sono le idee della The CW per la stagione 2018/19: iniziamo dalle rivisitazioni che ultimamente vanno tanto di moda e purtroppo il network ha deciso di creare due Pilot che sicuramente distruggeranno il bellissimo ricordo che abbiamo delle rispettive serie tv originali: “Streghe” e “Roswell”. Il primo non avrà nel cast nessuna delle attrici della serie precedente, sul piede di guerra non solo perché escluse, ma anche e soprattutto perché non avrebbero voluto rivedere “Streghe” sugli schermi televisivi. Il secondo invece potrebbe vedere in scena il ritorno di Max (Jason Behr) e Kyle (Nick Wechsler), forse solo come guest-star di alcuni episodi. La storia sarà praticamente identica alla serie madre e nel cast fisso troveremo: Jeanine Mason, Nathan Parsons, Lily Cowles, Michael Vlamis, Tyler Blackburn, Michael Trevino e Heather Hemmes. Alla regia purtroppo una Julie Plec, che già ha rovinato nella sua carriera parecchie serie tv: “The Vampire Diaries” su tutte. 


Andiamo oltre: “Dead Inside” racconterà la storia di un detective morto in un’esplosione, interpretato da Freddie Stroma (“Harry Potter”). Una poliziotta (Joey King Lyndon Smith) inizierà a vederne il fantasma e insieme lavoreranno per risolvere casi impossibili. “In The Dark” ci fa conoscere una sfrontata e insolente donna cieca (Perry Mattfeld) unica testimone dell’omicidio del suo amico spacciatore. La donna, dopo che la polizia archivia il caso, decide di indagare insieme al suo cane guida, mentre la sua esistenza si divide tra un lavoro che odia, la scuola per cani guida dei suoi genitori iperprotettivi (Kathleen York, Derek Webster) ed una vita amorosa non di certo piatta. “Playing Dead” racconta la vita di un impresario di pompe funebri, Joe (Tyler Ritter), che viene stravolta quando la donna che aveva abbandonato lui ed il figlio 15 anni prima, torna e chiede loro di fingere la sua morte per sfuggire alla mafia e guadagnare molti soldi. “Skinny Dip” racconta la vita di un'altra dopo che il marito ha provato ad ucciderla durante una crociera romantica mentre celebravano il loro secondo anniversario. Dietro a questo tentato omicidio però si nasconde una cospirazione molto più ampia. Tratto dal romanzo di Carl Hiaasen. 


Spencer”, basata sulla storia vera del giocatore di football Spencer Paysinger, racconta la storia di un ragazzo che da una fatiscente scuola di periferia viene reclutato dalla Beverly Hills High, scaraventato in una realtà completamente differente. Nel cast: Taye Diggs (“Private Practice”, “Murder in the First”) e Samantha Logan (“Tredici”). “The End of The World as we Know It” è una dramedy su due giovani californiane: Kate (Gage Golightly) e Laura (Quinta Brunson), che lavorano in una pizzeria, la cui vita cambia quando una prigione spaziale si schianta sulla terra. Un detective dello spazio, un certo Quinn (Josh Helman), chiederà il loro aiuto per rintracciare i fuggitivi che nel frattempo si sono mescolati tra la gente in veste di angeli. Infine la The CW ha deciso di mettere in cantiere l'ennesimo spin-off di “Supernatural” - chissà se verrà cestinato come tutti gli altri – con protagoniste femminili già viste nel corso delle ultime stagioni della serie madre, tra cui lo sceriffo Mills (Kim Rhodes). La donna cercherà di riunire alcune orfane, i cui genitori sono stati uccisi da un attacco sovrannaturale e cercare così di creare un gruppo per sconfiggere i demoni. Nel cast anche: Briana Buckmaster, Kathryn Newton, Katherine Ramdeen, Clark Backo e Yadira Guevara-Prip. A parte i due reboot evitabili, non solo non vediamo assolutamente nulla di nuovo all'orizzonte, ma leggiamo di trame a dir poco imbarazzanti. Ma solo tra due mesi scopriremo il destino di questi Pilot.

Commenti