The Dangerous Book for Boys (Amazon Video)



“Sentite, so che ultimamente ne abbiamo passate tante e di sicuro ci aspettano momenti ancora più difficili, ma il fatto è che non siamo gentili tra noi, non ci comportiamo come una famiglia e non sono arrabbiata, sono soltanto delusa”

Ci troviamo di fronte ad una serie di sei episodi da mezzora ciascuno, quindi “The Dangerous Book for Boys” è una specie di film diviso in sei parti. Prodotta e creata da due colossi come Bryan Cranston, indimenticato Walter White di “Breaking Bad”, e Greg Mottola regista e sceneggiatore tra gli altri di alcuni episodi di “The Newsroom”, questa nuova serie della Amazon Video ricorda vagamente “Jumanji”, perché anche qui è un libro magico il protagonista. “The Dangerous Book for Boys” è una dramedy che segue le avventure di Wyatt McKenna (Gabriel Bateman), ragazzino molto sveglio che però perde il padre troppo presto. Wyatt ha altri due fratelli, Dash (Drew Logan Powell) e Liam (Kyan Zielinski), che stanno come lui cercando di fare i conti con il lutto improvviso. Patrick (Chris Diamantopoulos) era un padre incredibile, un inventore estroso e fantastico che è rimasto ancorato ai ricordi di tutte le persone che lo conoscevano. 


Patrick ha anche un fratello gemello, Terry, che piomba di nuovo nella vita della famiglia del fratello dopo oltre cinque anni di assenza. Beth (Erinn Hayes) è invece una madre che cerca a tutti i costi di fare la “forte”, di nascondere i problemi economici in famiglia, ma anche lei non ha ancora del tutto fatto i conti con la morte del marito. A darle una mano a crescere i ragazzi c'è l'estrosa zia Tiffany (Swoosie Kurtz). Un giorno Beth dice che il padre ha lasciato ai ragazzi la copia di un libro dal titolo “The Dangerous Book for Boys”, per l'appunto, un libro che apre la mente dei tre ragazzi e li porta in mondi fantastici, dove, soprattutto Wyatt, si ritroverà a parlare con il padre, ad acquisire abilità che lo aiutano a migliorare anche nella vita reale. 


Arrivata in tutte le piattaforme Amazon Video del mondo nello stesso giorno, cioè il 30 marzo scorso, la serie si segue facilmente tutta d'un fiato e racconta in maniera chiara e limpida la storia di una famiglia a pezzi che cerca di superare questo momento difficile, una famiglia strampalata, che unisce due zii fuori di testa e tre ragazzi combinaguai, dove Wyatt risulta protagonista assoluto, ma anche molto finto, perché un dodicenne così maturo di certo non esiste. La serie è rivolta per lo più ad un pubblico decisamente giovane, anche se per gli argomenti trattati non fa fatica ad essere adatta anche ad un telespettatore più cresciuto. Gli insegnamenti, le idee, i pensieri lasciati dal padre sul libro, fanno da linea guida per i vari episodi, che nonostante forse un eccessivo “buonismo” di fondo e malgrado sia una serie che ci riporti alle atmosfere anni 80 e 90, la serie, anche grazie alla breve durata, non annoia, risulta semplice e dettagliata, positiva e fresca. “The Dangerous Book for Boys” è tratta a sua volta dal libro omonimo di Conn e Hal Iggulden.


Commenti