Upfront NBC, il palinsesto della nuova stagione


Si comincia con l'intensa settimana degli upfronts, quest'anno, più del solito caratterizzata da tante cancellazioni importanti. Si inizia come sempre con la NBC che sforna il proprio palinsesto televisivo per la stagione 2018/19. 

Iniziamo dai rinnovi. Le uniche serie tv che superano il difficilissimo scoglio del primo anno di messa in onda sono: “Good Girls”, “Midnight, Texas” e, a sorpresa, “A.P. Bio”, forse la sitcom più brutta tra le novità di quest'anno. “Blindspot” arriva a quota quattro stagioni, “Chicago Fire”, insieme agli spin-off “Chicago P.D.” e “Chicago Med”, vengono tutti promossi e si portano rispettivamente alle stagioni numero: sette, sei e quattro. Anche “Law&Order: SVU” viene rinnovata e arriva a quota venti stagioni, la serie più longeva al momento in circolazione, escludendo i Simpson. “Superstore” viene rinnovato alla quarta stagione, “The Blacklist” alla quinta, “The Good Place” alla terza, così come anche “This is Us” ed infine “Will & Grace” rinnovato per ben due stagioni, decima e undicesima. Parentesi a parte va aperta per “Brooklyn Nine-Nine”, la serie della Fox, infatti, cancellata pochi giorni fa dal canale di appartenenza, è stata presa in custodia dalla NBC. E' una cosa che non capita spesso, che un network generalista si appropri di una serie cancellata da una sua diretta concorrente, ma in questo caso la cancellazione era stata criticata da molti e quindi la NBC ha approfittato del passo falso della Fox, quindi “Brooklyn Nine-Nine” cambia casa e sale a quota sei stagioni. 

Per quanto riguarda le cancellazioni invece, sono state bocciate: “Great News” dopo due stagioni, “Law&Order: True Crime”, “Rise” e “The Brave” tutte dopo una, “Shades of Blue”, la serie con Jennifer Lopez, dopo tre, come anche “The Carmichael Show”, “Taken” dopo due, ed infine “The Night Shift” dopo quattro. A nostro avviso “Rise” avrebbe meritato ben più di un'altra occasione, ma così è stato deciso e ce ne faremo una ragione. In attesa di conferma rimane “Champions”, al momento in bilico per un possibile cambio di showrunner e le tre serie estive che sono partite da poco o ancora non andate in onda: “Reverie”, “Timeless” e “Trial & Error”. 

Ma adesso passiamo alle novità. Le nuove serie tv drama della prossima stagione televisiva della NBC saranno: “Manifest” sarà un mistery thriller incentrato su un aereo che scompare nel nulla senza lasciare traccia per cinque lunghi anni, ma per i passeggeri del volo 828 il tempo in realtà è “volato”, nel senso che per loro la durata del volo è stata quella normale, di poche ore. Il ritorno alla vita di questi “sopravvissuti” sarà difficilissimo. Insomma una sorta di “Lost”/”The Crossing”/”Resurrection” tutti assieme. Nel cast: Josh Dallas - che (con la sua mono-espressività) dopo la cancellazione di “Once Upon a Time” si ritrova subito con un altro ruolo da protagonista – J.R. Ramirez, Athena Karkanis e Parveen Kaur.

“The InBetween”, serie che vedrà protagonista Harriet Dyer, che interpreta Cassie, una ragazza nata con un dono, quello di parlare con i morti e provare ad aiutarli con i loro conti in sospeso. L'unica differenza rispetto a “Ghost Whisperer”, che rende il tutto ancora più banale (semmai fosse possibile), è che la protagonista si troverà ad aiutare l'FBI nei casi più disparati grazie alla collaborazione con un suo vecchio amico. Ideatrice Moira Kirkland, già dietro le quinte di “Medium” (tanto per restare in tema).

“The Village” ci racconta la storia degli abitanti di un condominio di Brooklyn che nonostante le differenze di sesso, razza, religione e cultura, si troveranno a scoprire che le loro vite sono indissolubilmente legate tra di loro. Nel cast: Moran Atias (“Tyrant”), Warren Christie (“Alphas”, “The Resident”), Daren Kagasoff (“La Vita Segreta di una Teenager Americana”) e Michaela McManus (“Aquarius”).

Ancora medical, come se non ne avessimo già abbastanza, in arrivo con “New Amsterdam”, nuova serie con protagonista Ryan Eggold (“The Blacklist”) che qui interpreta Eric Manheimer, medico del Bellevue Hospital di Manhattan, uno degli ospedali più rinomati del Paese dove puoi trovarci: carcerati, drogati, ma anche il Presidente degli Stati Uniti d'America. Ad ideare il tutto: David Schulner (“Emerald City”).

“The Enemy Whitin” invece ci porta nel mondo del controspionaggio ed ha per protagonista Jennifer Carpenter (“Dexter”), che qui presta il volto a Erica Wolfe, agente della CIA che è anche una delle donne più odiate d'America. Imprigionata per alto tradimento, l'FBI decide di farla uscire di prigione per fermare un pericoloso atto terroristico che minaccia gli USA. Insomma una sorta di “The Blacklist” al femminile. Nel cast anche: Morris Chestnut (“Rosewood”) e Kelli Garner (“Pam Am”).

L'ultimo Pilot ordinato a serie è “The Gilded Age”, che ci porta in una New York del 1880, dove conosceremo Marian, erede di una ricca famiglia conservatrice che scopre che nel suo quartiere è arrivato un nuovo uomo molto facoltoso, imprenditore ferroviario. Una storia d'amore contorta e ricca di colpi di scena innescherà una serie di eventi drammatici. Ideatori: Julian Fellowe e Gareth Neame.

Per quel che riguarda il settore delle comedy si parte da “Abby's”, che è il nome del bar protagonista della serie in questione. Un bar di San Diego, gestito dall'ex sergente Abby, interpretata da Natalie Morales (“Santa Clarita Diet”) che, annoiata dai soliti locali alla moda, decide di aprire questo nuovo locale nel suo cortile. Nel bar però bisogna rispettare tre regole ben precise: niente cellulari, la sedia va guadagnata col sudore e se si perde una scommessa o una sfida bisogna pagare pegno. Nel momento in cui si entra nel giro però si diventa parte integrante di una vera e propria divertente famiglia. Ideatore: Josh Malmuth di “Superstore”.

“I Feel Bad” ci racconta la vita di una donna sarcastica che vuole avere tutto dalla vita: è una mamma lavoratrice, con un ruolo d'importanza in una società di videogame, circondata da gente molto più giovane di lei. Il marito invece è un uomo molto più alla mano, sensibile e alla moda. Tratto dal romanzo omonimo di Orli Auslander, la serie ci porta nel mondo delle donne che si sentono incredibilmente forti, ma che in realtà poi si dimostrano molto fragili. Nel cast: Sarayu Blue e Paul Adelstein.

Queste le “novità”, se così possiamo definirle, della stagione 2018/19 della NBC, dove, a parte “The Village” e “Abby's” ci sembra di essere sempre fermi a dieci/quindici anni fa. Per quanto riguarda la collozione negli slot serali, la NBC ha deciso di affidare uno degli spazi migliori, cioè quello del lunedì sera, dopo il seguitissimo “The Voice”, a “Manifest”, mentre il nuovo medical “New Amsterdam” si colloca dopo “This is Us” al martedì. Il mercoledì sarà affidato alla famiglia “Chicago”, mentre al giovedì sarà protagonista la solita serata sitcom con: “Superstore”, “The Good Place”, “Will & Grace” e la nuova “I Feel Bad”. Al venerdì sera troveremo “Blindspot” e “Midnight, Texas”, mentre la domenica sarà la volta di “Good Girls”. Per quel che riguarda tutte le altre serie, le ritroveremo nella seconda parte di stagione con partenza tra gennaio e marzo 2019.

Commenti