JAZZMI, terza edizione al BLUE NOTE MILANO


Dopo il grande successo delle due edizioni passate, La Triennale di Milano, Triennale Teatro dell'Arte e Ponderosa Music & Art, in collaborazione con BLUE NOTE MILANO, riportano anche quest’anno il grande jazz a Milano con la terza edizione di JAZZMI. Il festival jazz animerà la città di Milano dall’1 al 13 Novembre per 13 giorni di concerti, incontri, film, mostre, masterclass con i musicisti, e molto altro ancora!

I primi spettacoli confermati che animeranno il Blue Note Milano durante JAZZMI vedranno alternarsi sul palco grandi artisti internazionali con la consueta varietà di stili, in un programma che attraversa le generazioni e che presenta vere e proprie icone e astri nascenti del Jazz.

Ecco i primi concerti confermarti al BLUE NOTE MILANO per JAZZMI 2018:

02 novembre                          VICTOR WOOTEN TRIO feat. BOB FRANCESCHINI & DENNIS CHAMBERS
03 novembre                          VICTOR WOOTEN TRIO feat. BOB FRANCESCHINI & DENNIS CHAMBERS
06 novembre                          STEVE KUHN TRIO
07 novembre                          JOHN SCOFIELD COMBO 66
08 novembre                          BILL FRISELL SOLO
11 novembre                          CHRISTIAN SANDS TRIO

I biglietti per i concerti in programma il 2 e il 3 novembre si possono già acquistare collegandosi al sito internet www.bluenotemilano.com. I biglietti per gli spettacoli del 6, 7, 8 e 11 novembre, invece, saranno acquistabili da lunedì 18 giugno.
                 
Il festival porterà il grande jazz a Milano, con oltre 150 eventi in soli 13 giorni distribuiti in svariate location tra il centro e i quartieri più periferici, ospiterà nomi leggendare giovani artisti e coinvolgerà tutte le realtà cittadine che producono Jazz.

Andrea De Micheli e Luca Oddo, rispettivamente presidente e AD di Casta Diva Group, la società di comunicazione che controlla e gestisce il Blue Note Milano affermano: «JazzMi ha letteralmente bruciato le tappe, con una velocità al di sopra delle nostre aspettative. In soli due anni è diventato un punto di riferimento, anche internazionale, per il pubblico amante del jazz e per la critica più autorevole, non solo italiana. Inoltre ha coinvolto e regalato emozioni indimenticabili a un grandissimo numero di persone: circa 30.000 nell’ultima edizione, di cui 20.000 spettatori paganti. Per dare un’idea dell’importanza di questo risultato: si tratta dello stesso numero di biglietti venduti nel più famoso jazz festival italiano, che esiste da ben 45 anni».

Commenti