SALMO ACADEMY sono Giacomo Montagnoli, Ludovico Secchi e Gino Tremila i selezionati


SALMO ACADEMY
Selezionati i 3 talenti nel campo del beatmaking, video making, e illustrazione reclutati dall’artista per lavorare insieme ad un progetto artistico

RED BULL MUSIC presenta SALMO ACADEMY: un progetto di scouting di nuovi talenti nel campo del beatmaking, video making e illustrazione, con lo scopo di reclutare un team che lavorerà insieme all’artista, profeta del rap italiano, alla creazione di un progetto artistico.
Sono state quasi 7000 le candidature arrivate in un mese per la Salmo Academy che ha presentato a maggio il progetto in tre università italiane a Cagliari, Roma, e Trento. Dopo una difficile cernita dei migliori talenti visto il livello altissimo delle proposte arrivate sono stati selezionati: Giacomo MontagnoliLudovico Secchi Gino Tremila.
“Ho scelto il videomaker Giacomo Montagnoli - spiega Salmo - per l’originalità e per aver dimostrato che si può sviluppare un’idea semplice con un budget minimo e far funzionare il video. Pur senza budget ha creato un video con un'idea fortissima e ne è venuta fuori una figata. Questo è un punto centrale per chi fa video perchè se l’idea è forte non hai bisogno di tanti soldi, mentre a volte l’investimento alto nasconde idee più deboli. Giacomo si è mosso bene e mi ha conquistato”. 
Le influenze di Giacomo Montagnoli derivano dai videoclip di “7AM”, “Rob Zombie”, “Don Medellín”. La sua specialità e caratteristica è l'attenzione ai dettagli apparentemente insignificanti. “La forma conta ma è ció che vi si trova dentro che è realmente importante.
Ogni immagine deve saper comunicare anche senza voce, le ambientazioni spesso sono dei soggetti più comunicativi dei personaggi stessi. Nei miei precedenti lavori ho sempre lavorato duramente alla caratterizzazione di uno scenario e di un contesto, perchè se quest'ultimo è credibile, allora lo è anche la storia che lo attraversa.” 
“È stato difficilissimo scegliere il vincitore per quanto riguarda il beatmaking, ho optato per Ludovico Secchi quello che mi ha preso di più a pelle - continua Salmo - Ho ricevuto migliaia di proposte di altissima qualità di produttori giovanissimi, ma già molto bravi, ho scelto a istinto fra quelli che mi sono piaciuti di più, ma davvero con parecchia difficoltà”. 
Per Ludovico è sempre stato un sogno anche solo poter conoscere Salmo di persona, ora l'idea di lavorarci insieme è un traguardo che non è descrivibile con parole. “The Island Chainsaw Massacre” è il disco che piu' di ogni altro mi ha ispirato nella creazione dei beat – spiega Ludovico - per via della rivoluzione che quell'album ha portato a livello sonoro. 
“Anche scegliere gli illustratori è stato complesso, avrei premiato tutti, sono tutti bravissimi, molto preparati. Gino Tremila però mi ha colpito per l’originalità e per il modo in cui utilizza i colori. Ha un taglio psichedelico, anni ’70, ma al contempo molto moderno”. 
Anche per Gino è stata la musica di Salmo a fare da ispirazione per le sue creazioni grafiche : “È spesso così, la musica influenza le arti visive e viceversa. La mia passione è sicuramente quella delle copertine per quanto riguarda le copertine. Mi capita di spaziare fra tecniche molto diverse, ma la mia produzione è legata a un filo rosso fatto di surrealismo e ambientazioni acide, piccoli dettagli fuori posto, dissonanza".
Il prossimo passo per le tre giovani promesse scelte nei diversi ambiti sarà mettersi al lavoro con Salmo in una speciale location sul Red Bull Studio Mobile per creare un nuovo progetto artistico.

Commenti