Emmy Awards 2018: tutti i vincitori



Alla 70° edizione degli Emmy Awards tenuti ieri sera in quel di Hollywood, a Los Angeles, sembra che il tempo si sia fermato da qualche anno: praticamente tra i vincitori non è cambiato quasi nulla enlle ultime edizioni. I soliti nomi, le solite facce, salgono sul palco a ricevere l'ambita statuetta. Il più premiato resta ancora “Game of Thrones” della HBO che, ormai lo diciamo da tempo, ha perso gran parte dello smalto delle primissime stagioni, seguito da “The Marvelous Mrs. Maisel” e “American Crime Story”. Per quanto riguarda gli attori finalmente arriva il giusto riconoscimento dopo anni a Matthew Rhys per “The Americans”. Veder invece vincere, di contro, un Darren Criss come migliore attore protagonista di un film-tv o miniserie a scapito di uno strepitoso Benedict Cumberbatch fa un po' ridere. Tra le pochissime novità ci sono tre meritatissimi premi dati a “Barry”, per il resto calma piatta. Ma andiamo ai vincitori (e vinti):

Miglior serie drama: Game of Thrones (HBO), che batte: “The Americans”, “The Crown”, “The Handmaid’s Tale”, “Stranger Things”, “This Is Us” e “Westworld”.

Miglior serie comedy: “The Marvelous Mrs. Maisel” (Amazon Video), che batte: “Atlanta”, “Barry”, “Black-ish”, “Curb Your Enthusiasm”, “GLOW”, “Silicon Valley” e “Unbreakable Kimmy Schmidt”

Miglior miniserie: “American Crime Story: The Assassination of Gianni Versace”, che batte: “The Alienist”, “Genious: Picasso”, “Godless” e “Patrick Melrose”

Miglior film-tv: “Black Mirror: USS Callister” (Netflix), che batte: “Farenheit 451”, “Flint”, “Paterno” e “The Tale”

Miglior attore di una serie drama: Matthew Rhys, per il ruolo di Philip Jennings in “The Americans” (Fx), che batte: Jason Bateman, per il ruolo di Marty Byrde in “Ozark” (Netflix), Sterling K. Brown, per il ruolo di Randall Pearson in “This Is Us” (Nbc), Ed Harris, per il ruolo dell’Uomo in Nero in “Westworld” (Hbo), Milo Ventimiglia, per il ruolo di Jack Pearson in “This Is Us” (Nbc) e Jeffrey Wright, per il ruolo di Bernard Lowe in “Westworld” (Hbo)

Miglior attrice di una serie drama: Claire Foy, per il ruolo della Regina Elisabetta in “The Crown” (Netflix), che batte: Tatiana Maslany, per il ruolo di Sarah, Alison, Cosima, Helena e Rachel in “Orphan Black” (Bbc America), Elisabeth Moss, per il ruolo di Difred in “The Handmaid’s Tale” (Hulu), Sandra Oh, per il ruolo di Eve Polastri in “Killing Eve” (Bbc America), Keri Russell, per il ruolo di Elizabeth Jennings in “The Americans” (Fx) e Evan Rachel Wood, per il ruolo di Dolores in “Westworld” (Hbo)

Miglior attore di una serie comedy: Bill Hader, per il ruolo di Barry Berkman/Block in “Barry” (Hbo), che batte: Anthony Anderson, per il ruolo di Andre “Dre” Johnson Sr. in “black-ish” (Abc), Ted Danson, per il ruolo di Michael in “The Good Place” (Nbc), Larry David, per il ruolo di se stesso in “Curb Your Enthusiasm” (Hbo), Donald Glover, per il ruolo di Earnest “Earn” Marks in “Atlanta” (Fx) e William H. Macy, per il ruolo di Frank Gallagher in “Shameless” (Showtime)

Miglior attrice di una serie comedy: Rachel Brosnahan, per il ruolo di Miriam “Midge” Maisel in “The Marvelous Mrs. Maisel” (Amazon), che batte Pamela Adlon, per il ruolo di Sam Fox in “Better Things” (Fx), Allison Janney, per il ruolo di Bonnie Plunkett in “Mom” (Cbs), Issa Rae, per il ruolo di Issa Dee in “Insecure” (Hbo), Tracee Ellis Ross , per il ruolo di Rainbow “Bow” Johnson in “black-ish” (Abc) e Lily Tomlin, per il ruolo di Frankie Bergstein in “Grace and Frankie” (Netflix)

Miglior attore in una miniserie o film-tv: Darren Criss, per il ruolo di Andrew Cunanan in “The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story” (Fx), che batte: Antonio Banders, per il ruolo di Pablo Picasso in “Genius” (National Geographic), Benedict Cumberbatch, per il ruolo di Patrick Melrose in “Patrick Melrose” (Showtime), Jeff Daniels, per il ruolo di John O’Neill in “The Looming Tower” (Hulu), John Legend, per il ruolo di Gesù Cristo in “Jesus Christ Superstar Live in Concert” (Nbc) e Jesse Plemons, per il ruolo del Capitano Daly in “Uss Callister: Black Mirror” (Netflix)

Miglior attrice in una miniserie o film-tv: Regina King, per il ruolo di Latrice Butler in “Seven Seconds” (Netflix), che batte: Jessica Biel, per il ruolo di Cora Tannetti in “The Sinner” (Usa Network), Laura Dern, per il ruolo di Jennifer Fox in “The Tale” (Hbo), Michelle Dockery, per il ruolo di Alice Fletcher in “Godless” (Netflix), Edie Falco, per il ruolo di Leslie Abramson in “Law & Order: True Crime” (Nbc) e Sarah Paulson, per il ruolo di Ally Mayfair-Richards e Susan Atkins in “American Horror Story” (Fx)

Miglior attore non protagonista di una serie drama: Peter Dinklage, per il ruolo di Tyrion Lannister in “Game of Thrones” (Hbo)

Miglior attrice non protagonista di una serie drama: Thandie Newton, per il ruolo di Maeve in “Westworld” (Hbo)

Migliore attore non protagonista di una serie comedy: Henry Winkler, per il ruolo di Gene Cousineau in “Barry” (Hbo)

Miglior attrice non protagonista di una serie comedy: Alex Borstein, per il ruolo di Susie in “The Marvelous Mrs. Maisel” (Amazon)

Miglior attore non protagonista in una miniserie o film-tv: Jeff Daniels, per il ruolo di Frank Griffin in “Godless” (Netflix)

Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film-tv: Merritt Wever, per il ruolo di Mary Agnes in Godless (Netflix)

Miglior sceneggiatura in una Comedy: “The Marvelous Mrs. Maisel” – Amy Sherman Palladino (Amazon)

Miglior regia in una comedy: “The Marvelous Mrs. Maisel” – Amy Sherman Palladino (Amazon)

Miglior sceneggiatura per un episodio miniserie: “USS Callister – Black Mirror” (William Bridges e Charlie Brooker) (Netflix)

Miglior regia in una miniserie: Ryan Murphy per “American Crime Story The Assassionation of Gianni Versace” (Fx)

Miglior sceneggiatura di un drama: “The Americans” (Fx) per Joel Fields and Joe Weisberg


Miglior regia in un drama: Stephen Daldry per “The Crown” (Netflix)

Miglior Reality Competitivi: “RuPaul Drag Race”(VH1)

Miglior Variety Sketch: “Saturday Night Live” (Nbc)

Migliori Varietà Talk Show: “Last Week Tonight With John Oliver” (Hbo)

Miglior guest star femminile di una serie drama: Samira Wiley, “The Handmaid’s Tale” (Hulu)

Miglior guest star maschile di una serie drama: Ron Cephas Jones, “This Is Us” (Nbc)

Miglior guest star femminile di una serie comedy: Tiffany Haddish, Saturday Night Live (Nbc)

Miglior guest star maschile di una serie comedy: Katt Williams, “Atlanta” (Fx)

Miglior cast di una serie comedy: “The Marvelous Mrs. Maisel” (Amazon)


Miglior cast di una serie drama: “The Crown” (Netflix)


Miglior cast di una miniserie o film-tv: “American Crime Story: The Assassination of Gianni Versace” (Fx)

Commenti