Single Parents (ABC)



“Amico, siamo genitori single. Noi non ci offriamo volontari, cerchiamo solo di sopravvivere fino al momento in cui è accettabile aprire una bottiglia di vino”

La prima cosa che subito salta all'occhio di “Single Parents” sono i dialoghi fulminanti e le battute a raffica, da ricordare nella velocità quelli delle celeberrime ragazze Gilmore, per il resto ci troviamo di fronte ad una delle più classiche comedy all'americana. La ABC sforna una delle prime novità di stagione e lo fa con una situation comedy che schiaccia l'occhio a “Modern Family”, ma senza matrimoni e parentele di mezzo, l'unica cosa che unisce i protagonisti, infatti, è l'amicizia condivisa dal fatt di essere tutti genitori single e per questo prevalentemente, ognuno a suo modo, disastrati. Creata da Elizabeth Meriwether, già sceneggiatrice di alcuni episodi di “New Girl”, e J. J. Philbin, già dietro le quinte di “The O.C.” e “Heroes”, “Single Parents” racchiude in se un cast eccellente: Taran Killam (“Saturday Night Live”) è Will Cooper, padre di Sophie (Marlow Barkley), genitore apprensivo e rappresentante di classe dei genitori, onnipresente e iperattivo, appena trentenne si occupa talmente della figlia da aver perso completamente di vista la propria vita; Leighton Meester (la Blair Waldorf di “Gossip Girl”) che interpreta Angie D'Amato, madre di Graham (Tyler Wladis), ragazzino mammone che ha bisogno sempre di portare qualcosa della madre con se ovunque vada, mentre di contro Angie lo vorrebbe più forte e indipendente; Brad Garrett (“Fargo”), ha il ruolo di Douglas Fogerty, ricchissimo papà di due gemelline, Emma e Amy (Mia e Ella Allan), che preferirebbero un padre più presente alla sua ricchezza e alla conseguente assenza; ed infine Kimrie Lewis (“Scandal”), è Poppy Banks, mamma di colore di un ragazzino un po' effeminato, Rory (Devin Trey Campbell), che si veste come gli pare e per questo è preso di mira dagli altri ragazzini, la madre di contro si porta dietro sempre il suo vicino di casa, un ventenne asiatico, Miggy (Jake Choi), rimasto scioccato dalla nascita di un figlio che lui decisamente non voleva. 


Saranno Angie, Douglas, Miggy e Poppy, già amici tra di loro, a provare in tutti i modi di risollevare la vita di Will, che, insieme alla figlia Sophie, sono gli unici nuovi arrivi nella scuola e nella società. La serie, partita negli States lo scorso 26 settembre, ha avuto un riscontro da parte della critica mediamente positivo, di contro il quantitativo di pubblico non è stato tale da poter rimanere tranquilli, un Pilot che ha avuto una media di quasi 5 milioni di telespettatori ed un rating di 1.3, potrebbe non far ben sperare per il proseguo delle avventure. Ma di certo “Single Parents” potrebbe trovare riscontro a piccoli passi, perché è una serie che meriterebbe di essere vista: è una comedy leggera, ma al tempo stesso furba e con una trama di base solida, e non è così naturale oggi come oggi trovare una comedy con un incipit così buono, poi l'ottimo cast fa tutto il resto.

Commenti