Adolfo Durante "E' questa la notte" il video


ADOLFO DURANTE
OGGI ESCE IL NUOVO SINGOLO “È QUESTA LA NOTTE
in occasione della GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI DELL’INFANZIA

È ONLINE IL VIDEO DEL BRANO AL LINK:
www.youtube.com/watch?v=QVl2njGtjUo

I fondi ricavati dal progetto sono interamente devoluti ad Amnesty International Italia


Da oggi, martedì 20 novembre, in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia, è in rotazione radiofonica e disponibile sulle piattaforme streaming e in digital download “È QUESTA LA NOTTE”, il nuovo singolo di ADOLFO DURANTE incentrato sul tema del matrimonio infantile. I fondi ricavati dal progetto sono interamente devoluti, per volontà dell’artista, ad Amnesty International Italia. Il progetto è in collaborazione con “Voci Per La Libertà – Una Canzone Per Amnesty”. 

Il video di “È QUESTA LA NOTTE”, regia di Michele Pastrello, si pone l’obiettivo, attraverso l’uso di immagini evocative, di sensibilizzare lo spettatore e invogliarlo a riflettere su uno dei drammi più diffusi al mondo: le spose bambine.  

Il video del brano “È QUESTA LA NOTTE” è visibile su YouTube al seguente link:

È questa la notte” (testo di Alessandro Hellmann, musica di Alberto Lombardi) è un canto intimo e disarmato che racconta, senza retorica, il dolore di una sposa bambina. Nel brano musicalmente coesistono due anime: la spensieratezza infantile rappresentata dalla filastrocca della strofa e il dramma della vicenda con il cambio di tempo nel ritornello. Il finale della canzone porta invece alla riflessione, dove le protagoniste del racconto diventano le bambine che cantano in coro.

«Da tempo desideravo realizzare una canzone che avesse per tematica il mondo dell’infanzia e ispiratrice di questa idea è stata la mia partecipazione a “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty” – racconta Adolfo Durante riguardo al nuovo singolo – Ancora oggi, infatti, migliaia di minorenni vengono costretti ad unirsi in matrimonio in età infantile per motivi legati alla povertà con conseguenze fisiche, psicologiche ed emotive».

Commenti