Francesco Di Bella - O' Diavolo


“O’ Diavolo” ovvero "Colui che divide" è il nuovo album di Francesco Di Bella, intenso e poetico, con arrangiamenti “preziosi” e senza fronzoli inutili, l’ex leader dei 24 Grana non divide affatto, anzi mette (o quanto meno dovrebbe) tutti d'accordo, perché si conferma come una delle certezze assolute della scena cantautorale italiana, che unisce tradizione popolare e innovazione, con classe, eleganza e stile e soprattutto un songwriting di assoluto livello. Nove canzoni una meglio dell’altra, bellissime, spesso emozionanti, uno degli album migliori di questo 2018:

“O Diavolo”: la title track è una sorta di mantra oscuro venato di blues: “‘o diavulo balla cu ‘o boss
e ‘nzieme ce scavano ‘a fossa, o diavulo balla cu l’osse e a ‘a mamma ce vene ‘na mossa"

“Scinne Ambress”: ballad agrodolce che ricorda la poetica del primo Pino Daniele: “‘a vita passa fore ‘a fenesta e vide quale strada s’hadda piglià nisciuno ce ha giurato che è chesta vedimmo quanto tiempo t’aggia aspettà"

“Stella nera”: al pianoforte, con gli archi a tessere l’atmosfera, intima e complice:” pure se m’abbrucio ‘na sera cerco ‘na stella nera.. nisciuno me po’ capì”

“Rivelazione”: ritmiche in levare, su cui è inevitabile lasciarsi trasportare: “‘o munno balla
‘ngopp ‘a cenere vullente e ‘o capobanda arape ‘a porta e se ne va”

“Il giardino nascosto”: arpeggi di chitarra dolci e dolenti al tempo stesso, per un’apertura melodica nel ritornello dal sapore popolare: “quanto sei bella accussì e je nun te voglio scetà si comme ’o mare quando me vene a piglià"

“Rub a dub style”: ipnotica e ammaliante, sinuosa nel suo dipanarsi: “senti ‘o groove e po’ m’’a dai tu ‘na risposta mo’ t’ ‘a faccio io na proposta"

“Canzone ‘è carcerate”: ispirata da Ferdinando Russo, poeta napoletano del secolo scorso, è un brano struggente, con un arrangiamento minimal da brividi che punta sull’assenza: “‘a nostra Avemmaria è ‘na jastemma, ’o tiempo d’’a speranza s’è fermato e a poco a poco comme squaglia ‘a cera,’a vita mia cu ‘o sole s’è squagliata”

“Sulo pe’ te”: suggestiva e suadente, con gli archi protagonisti e un testo bellissimo: “quando è accussì, stamm a sentì primma ‘e trasì comme ‘na luce tieni ‘sti cose sulo pe te”

“Notte senza luna”: con la chitarra sugli scudi, una ballad delicata e sospesa, ricca di sfumature: a ‘“o munno ce sta tanta brava gente a me nun è tuccata ‘sta furtuna so’ nato e so’ crisciuto cu ‘e fetiente figlio ‘e ‘na notte senza luna”

Commenti