Secondamarea "Naturale" il video


SECONDAMAREA DA OGGI È ONLINE IL VIDEO DI
NATURALE

terzo singolo estratto dall’album “SLOW

Da oggi, venerdì 16 novembre, è disponibile su YouTube il video di “NATURALE”, terzo singolo dei SECONDAMAREA, estratto dall’album di inediti “SLOW”, visibile al seguente link: www.youtube.com/watch?v=MsNfrSG9pLI .
Il videoclip di “NATURALE”, interamente girato all’Isola del Giglio, è un inno al selvatico, agli elementi atmosferici, alla natura nuda, primordiale ed essenziale. Le immagini ritraggono una ricerca misteriosa nell’ambiente incontaminato dove Ilaria raccoglie fiori, ricci, cortecce e quarzi che diventano un puzzle da ricomporre. Il video, diretto dal regista Alessio Mida, spiega come tutto ciò di cui abbiamo bisogno si trovi di fronte ai nostri occhi, concesso dalla natura, e che tutti questi elementi non sono altro che una chiave d’accesso a una vita da vivere più lentamente e al naturale.
«Cerchiamo di avere il minor impatto possibile sull'ambiente, ci adoperiamo perché le cose che ci circondano rimangano il più possibile uguali a se stesse. Non agiamo sulla natura, piuttosto ci facciamo agire – raccontano i Secondamarea – Questo non significa evitare la modernità, ma viverla in maniera critica, consapevoli del fatto che le risorse del pianeta sono a termine e che il tempo e la bellezza sono gli unici tesori che possediamo. Abbiamo bisogno di luoghi franchi, incolti, selvatici, in cui l'uomo possa ritrovare la sua vera essenza. E abbiamo bisogno di tempo, qualitativamente parlando».
Dopo “Petrolio” e “Via dell’orto”, “Naturale” è il terzo singolo estratto dall’album di inediti “Slow”, prodotto da Paolo Iafelice (che ha collaborato negli anni con Fabrizio De André, Ligabue, Vinicio Capossela, Fiorella Mannoia e tanti altri) e pubblicato daRadiciMusic Records. L’album contiene 12 brani inediti dal taglio pop-folk scritti dagli stessi Secondamarea che esplorano i temi della natura, del clima, dell'acqua, dei boschi e degli effetti che questi hanno sull’uomo e sulla sua capacità di osservare il mondo.

Commenti