Oscar "Lei canterà" il primo singolo da solista del leader degli Statuto





SABATO 13 APRILE
in occasione del Record Store Day
  
ESCE IN EDIZIONE LIMITATA IL 45 GIRI

LEI CANTERÀ

primo singolo da solista del leader degli Statuto

e

APPUNTAMENTO INSTORE AL ROCK AND FOLK DI TORINO!



Sabato 13 aprile, in occasione del Record Store Day, esce in vinile in edizione limitata il singolo LEI CANTERÀ” (Universal Music), l’esordio discografico da solista di OSCAR. Il 45 giri, prenotabile e ordinabile in tutti i negozi di dischi, contiene l’inedito LEI CANTERÀ, una canzone che descrive come in una fotografia il momento in cui il leader degli Statuto conobbe Mia Martinie il brano TI AMO.

Lo stesso giorno, OSCAR presenterà al pubblico il suo nuovo singolo presso il
 Rock And Folk di TORINO (Via Conte Giambattista Bogino, 4 – ore 18.00). L’incontro,moderato da Christian Amadeo, sarà arricchito anche da interventi musicali.

«L'idea di scrivere una canzone per raccontare il momento in cui conobbi personalmente Mia Martini,
 – racconta Oscar a proposito di LEI CANTERÀ – mi venne quando lo scorso maggio mi trovai a Sanremo nell'hotel in cui erano in corso le riprese della fiction a lei dedicata. Ricordai di quell'incontro, in occasione dell'edizione del Festival del 1992, quando sfiorò la vittoria con "Gli uomini non cambiano" e io esordivo con gli Statuto cantando "Abbiamo vinto il Festival di Sanremo". Era prassi che gli artisti della categoria "Nuove Proposte", accompagnati dai discografici, venissero presentati ai "Big”. Quando Mimì ci aprì la porta del suo camerino sembrò quasi stupita volessimo incontrarla e ci accolse augurandoci con estrema dolcezza una gratificante partecipazione alla gara e una carriera artistica piena di soddisfazioni. Turbati nel notare che, fra tutti, era l’unica artista completamente sola nel camerino, una volta usciti chiedemmo spiegazioni e ci riportarono le atroci infamie che si raccontavano sulla sua persona. "Lei Canterà" è una fotografia di quel momento e vuol essere un omaggio sincero ad un’artista fantastica e una donna meravigliosa».

La canzone 
TI AMO, incisa sul Lato B del vinile, è una rivisitazione del brano contenuto nell’album degli Statuto “È Tornato Garibaldi”(1993). Scritto da Gigi Restagno, artista di riferimento della scena musicale torinese degli anni ’80 e ’90, TI AMO” era originariamente in lingua inglese. Innamoratosi della canzone sin dal primo ascolto, Oscar ha deciso di farla propria scrivendone il testo in italiano ed inserendo il pezzo nel proprio repertorio discografico e nelle scalette dei suoi live.

«Quando suonavo la tastiera in una delle tante band di Gigi Restagno – dichiara Oscar  mi capitò di ascoltare “Ti Amo” per la prima volta e mi catturò subito. Decisi di scrivere il testo in italiano per poterla portare in giro nei miei concerti. L'ho scelta come uno dei due brani per il mio primo singolo da solista sia perché la considero una canzone bellissima sia perché devo moltissimo a Gigi Restagno, umanamente e artisticamente».

In questo progetto solista Oscar si presenta in una veste originale e artisticamente inedita rispetto ai suoi lavori precedenti, puntando ad uno stile raffinato e mai banale, fatto di sonorità e arrangiamenti eleganti e insieme accessibili ed orecchiabili. 

Diplomato in contrabbasso al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, dopo aver suonato in varie orchestre sinfoniche in Italia e all'estero, Oscar Giammarinaro è entrato nel mondo della musica leggera fondando nel 1983 gli Statuto, band con la quale ha pubblicato 15 album in studio e 2 dal vivo, guadagnandosi spazio nelle classifiche di vendita di dischi. Affiancando da sempre all'attività artistica il mestiere di professore di musica nelle scuole medie, Oscar ha suonato in più di 1000 concerti tra Italia e resto del mondo, salendo sui palchi più importanti della musica italiana: da quelli del Festival di Sanremo e del Festivalbar a quello del Primo Maggio a Roma.  Nel 2019, Oscar decide di intraprendere anche una carriera da cantante e autore solista, con la quale esplora sonorità nuove e diverse, fondendo il pop inglese e la musica afroamericana (di cui è grande appassionato e conoscitore) con la tradizione melodica italiana.

Commenti