Marian Trapassi "Cosa ti aspetti" il video



MARIAN TRAPASSI

È ONLINE IL VIDEO DEL SINGOLO


COSA TI ASPETTI



Da oggi, venerdì 24 maggio, è online il video di COSA TI ASPETTI, il nuovo singolo di Marian Trapassi. Il video è visibile al seguente link: https://youtu.be/qLUvH8itEuw.
Il brano, disponibile online in digitale e su tutte le piattaforme streaming, è tratto dall’album “Bianco”.

Il video, diretto da Francesco CollinelliDavide Debenedetti e Vincenzo Ricchiuto di Framers, riprende il significato del testo, in cui la cantautrice racconta la vita come un susseguirsi di scelte, di strade e di decisioni da prendere, in cui niente è mai lo stesso e le aspettative a volte si scontrano con quello che la realtà propone.

«Anche nella realizzazione delle immagini – racconta Marian – è evidenziato il gioco del doppio e, come in Sliding Doors, si vedono le due realtà parallele. Ci sono molti momenti evocativi, soprattutto nei primi piani dei vari personaggi, e nel video io, Marian, mi pongo come protagonista ma al tempo stesso come narratrice con uno sguardo esterno alle cose».

Cosa ti aspetti”, quarto singolo estratto di “Bianco”, segna una trilogia con i singoli “Futuro” e “Solo una Parola”, anche per la presenza ricorrente, nei relativi video, della giovane ragazza, interpretata da Sveva Menotti, che rappresenta l’alter ego di Marian.

Bianco” segna un nuovo capitolo nella carriera artistica della cantautrice siciliana, ma milanese d’adozione: si distacca dai precedenti lavori e si impone con uno stile preciso e omogeneo, che va dal jazz, al blues, al folk, con 12 brani eleganti e raffinati negli arrangiamenti e nella scrittura. Musicalmente, l’album si ispira ai moderni chansonnier francesi e alle grandi cantautrici italiane e americane.

«Bianco è un album che è nato giorno per giorno, le canzoni sono state scelte con cura e sono quelle che oggi voglio assolutamente raccontare, perché avevo bisogno di tirarle fuori da me. – racconta Marian – Il titolo è nato da solo, dalla foto di copertina, che è stata scattata da Ray Tarantino, ancor prima di aver scelto come chiamare l’album. La parola “bianco” è ricorrente nei testi, ha tanti significati e simbologie e rimanda anche al famoso “White Album” dei Beatles, band con cui sono cresciuta, e che senza volere ha segnato la mia vita e nutrito il mio amore per la musica».

Commenti