Woodstock festeggia 50 anni con un cofanetto deluxe di 38 cd



WOODSTOCK FESTEGGIA 50 ANNI
CON UN COFANETTO DELUXE DI 38 CD

La raccolta edizione limitata documenta lo storico festival
In una ricostruzione quasi completa delle esibizioni di ogni artista
Con 38 dischi, 432 tracce
Incluse 20 ore di audio inedito

Disponibile su etichetta Rhino dal 2 agosto
Le versioni 10 CD, 3CD e 5 LP saranno disponibili dal 28 giugno


 
Quest’estate sarà il 50esimo anniversario di Woodstock, l’evento distintivo di una generazione e uno dei momenti simbolici nella storia della musica popolare. Nonostante il suo permanente significato culturale, nessuno ha mai cercato di documentare lo storico festival in tempo reale. Questo è esattamente quello che hanno cercato di fare i produttori Andy Zax e Steve Woolard con il loro cofanetto di 38 CD, in totale 432 tracce che contiene una quasi completa ricostruzione delle 36 ore di Woodstock, con tutte le esibizioni del festival incluse in ordine cronologico. La raccolta contiene 267 tracce inedite, per un totale di 20 ore di audio mai pubblicato.

Limitata a 1,969 copie numerate individualmente, WOODSTOCK 50 - BACK TO THE GARDEN: THE DEFINITIVE ANNIVERSARY ARCHIVE si presenta in una scatola di cartonato con inserti di tela ispirata dal palco del Woodstock, disegnati dal designer grafico vincitore di Grammy® Masaki Koike.  Il cofanetto include inoltre una copia Blu-Ray del film di Woodstock, una replica del programma originale, una tracolla di chitarra, due poster di Woodstock, una ristampa del diario scritto da un partecipante anonimo durante il festival, due stampe 8x10 del leggendario fotografo rock Henry Diltz, saggi di Zax, acclamato storiografo musicale Jesse Jarno, e il critico rock all’avanguardia Ellen Sander. È inclusa inoltre una copia di Woodstock: 3 Days of Peace & Music (Reel Art Press), un esauriente libro con copertina rigida scritto da Michael Lang, uno dei co-creatori del festival. La raccolta sarà disponibile dal 2 agosto per $799.98. I  pre-order sono disponibili adesso su www.rhino.com/woodstock50, insieme a quattro litografie esclusive 18x15 di David Saltzman, che prendono spunto dagli striscioni appesi nel luogo originale del festival. 
Rhino pubblicherà inoltre due altre raccolte quest’estate il 28 giugno. 
WOODSTOCK – BACK TO THE GARDEN – 50th ANNIVERSARY EXPERIENCE contiene 162 tracce in 10CD ed è la prima raccolta che offre registrazioni live di ogni artista esibitosi al festival. WOODSTOCK 50 – BACK TO THE GARDEN: THE ANNIVERSARY COLLECTION include 42 tracce e sarà disponibile come cofanetti 3CD  e 5LP. La versione 10 CD sarà disponibile anche in digitale e download.

Tra il 15-18 agosto, più di 400 000 persone si riunirono nei 600 acri di fattoria di Max Yasgur nell’ upstate di New York per il Woodstock. 32 performance inclusi alcuni dei più famosi e rivoluzionari musicisti del tempo come Joan Baez, The Band, Crosby, Stills, Nash & Young, Creedence Clearwater Revival, Grateful Dead, Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jefferson Airplane, Santana, Sly and the Family Stone, e The Who.
Il concerto diede origine al documentario vincitore di un Oscar di Michael Wadleigh e ad un paio di album della colonna sonora. Insieme, il film e le registrazioni hanno creato una mitologia popolare su Woodstock, che dipinge solo parzialmente quello che è successo realmente. BACK TO THE GARDEN, il produttore Andy Zax scrive nelle note di copertina, mira a far ascoltare alle persone il festival come è stato veramente.
“il film di Wadleigh racconta la storia di Woodstock, ma non racconta la storia.. questo archivio del 50esimo anniversario- che presenta quasi tutto l’audio del festival in qualcosa molto vicino al tempo reale- racconta una storia diversa. Se il film di Wadleigh è un tipo di musical psichedelico di Busby Berkeley, Back To The Garden è un documentario audio-verité.. tutta la mitologia di Woodstock è qui in questa scatola; o almeno, tutto quello che ha creato eventualmente la sua mitologia. La realtà è anche qui. E nessuno dei due invalida l’altro”.
La sfida che ha richiesto molto tempo di ricostruzione dell’audio del concerto è iniziata con l’individualizzazione di più di 60 bobine multi-traccia registrate da Eddie Kramer e Lee Osborne, come anche di circa 100 bobine registrate dallo staff sul palco. Il riassemblaggio dei nastri, di cui qualcuno era stato modificato, etichettato in modo erroneo o perduto- è stato un processo che, in alcuni casi, ha richiesto anni per essere completato.
Zax afferma che lui, il produttore Brian Kehew e l’ingegnere del suono Dave Schultz evitarono il più possibile di interferire con i nastri per preservare la loro autenticità. “non è sorprendente che la reazione degli altri produttori durante gli anni appena ascoltavano le bobine era “wow” immediatamente seguita da ‘ dobbiamo trovare un modo per sistemarlo’. Non sono in disaccordo con quell’approccio, ma se c’è una lezione che io e Brian Kehew abbiamo imparato da quando abbiamo iniziato a lavorare ai nastri nel 2005 è questa: non puoi sistemarli..la realtà non è così dura come sembra, perché una volta che hai accettato l’idea che non c’è modo di farli suonare in modo pulito, realizzi che questi nastri sono l’equivalente sonoro dei pomodori di famiglia—leggermente imperfetti, ma deliziosi.”

In alcuni casi, comunque, hanno avuto bisogno di sfruttare la nuova tecnologia per eseguire le restaurazioni di cui c’era più bisogno e che non sarebbero state possibili un paio d’anni fa. Zax afferma: “l’unica registrazione sopravvissuta della performance al Woodstock di Ravi Shankar è una bobina mono con un suono neanche ottimale. Ma il processo di de-mixing di successo sviluppato da James Clarke agli Abbey Road Studios ci ha permesso di isolare ed estrarre le parti suonate da ogni strumento e poi creare un nuovo missaggio stereo. Allo stesso modo, recenti miglioramenti nell’ accordatura polifonica ci hanno permesso di riparare parti di fiati che erano stati in precedenza irreparabili nell’ esibizione di Blood, Sweat & Tears, permettendo di ascoltare, per la prima volta, come era stato inteso”.

Ma l’audio di Woodstock non riguarda solo la musica: riguarda anche le persone che erano lì. Fortunatamente, i microfoni sono stati lasciati accesi durante il festival catturando tutto, dai macchinisti che discutono sul pranzo e ai membri del pubblico che urlano chiedendo i parziali di baseball, fino all’ incitamento di Max Yasgur verso il pubblico riunito nella sua fattoria. 
Si può inoltre sentire il corteo degli annunci sul palco acclamati dallo stage manager John Morris e il tecnico delle luci Chip Monck, che poi divennero gli MC del festival perché nessuno ne ingaggiò uno. In tutte tre le raccolte per questo nuovo anniversario si possono sentire da annunci delle canzoni, annunci su chiavi perse a raccomandazioni sul “flat blue acid”. L’album finale nel cofanetto di 38 CD serve come appendice e contiene registrazioni subordinate e piccoli pezzetti d’audio dei quali l’ordine non può essere confermato. 
Come si usa dire: Se puoi ricordare gli anni 60, non eri lì. BACK TO THE GARDEN fornisce alle persone che non erano presenti un modo per ricordarli. E per tutti quelli che c’erano, magari un modo per rinfrescare la memoria.


WOODSTOCK- BACK TO THE GARDEN – THE DEFINITIVE 50TH ANNIVERSARY ARCHIVE
Includes Full Performances by the Following Artists (In Chronological Order)


Richie Havens
Sweetwater
Bert Sommer
Tim Hardin
Ravi Shankar
Melanie
Arlo Guthrie
Joan Baez
Quill
Country Joe McDonald
Santana
John B. Sebastian
The Keef Hartley Band
The Incredible String Band
Canned Heat
Mountain
Grateful Dead
Creedence Clearwater Revival
Janis Joplin
Sly & The Family Stone
The Who
Jefferson Airplane
Joe Cocker
Country Joe & The Fish
Ten Years After
The Band
Johnny Winter
Blood, Sweat & Tears
Crosby, Stills & Nash
Crosby, Stills, Nash & Young
The Butterfield Blues Band
Sha Na Na
Jimi Hendrix



WOODSTOCK – BACK TO THE GARDEN – 50TH ANNIVERSARY EXPERIENCE
10 –CD Track Listing

Disc One
Richie Havens
1.     Hello! 
2.     “From The Prison>Get Together>From The Prison”
3.     “High Flying Bird”
4.     “With A Little Help From My Friends”
5.     “Handsome Johnny”
6.     “Freedom”
7.     It seems there are a few cars blocking the road – John Morris
Sweetwater
8.     “Look Out”
9.     “Day Song”
10.   “Two Worlds”
Bert Sommer
11.   “Jennifer”
12.   “And When It’s Over”
13.   “America”
14.   “Smile”
15.   Let’s see how bright it can be – John Morris
Tim Hardin
16.   “How Can We Hang On To A Dream”
17.   “If I Were A Carpenter”
18.   “Reason To Believe”
19.   “Misty Roses”
20.   We're a pretty big city right now– John Morris

Disc Two
1.     Somebody, somewhere is giving out some flat blue acid – John Morris
Ravi Shankar
2.     “Raga Manj Kmahaj”
Melanie
3.     “Momma Momma”
4.     “Beautiful People”
5.     “Mr. Tambourine Man”
6.     “Birthday Of The Sun”
7.     It's a free concert from now on – John Morris
Arlo Guthrie
8.     “Coming Into Los Angeles”
9.     Lotta freaks!
10.   “Wheel Of Fortune”
11.   “Walking Down The Line”
12.   “Every Hand In The Land”
13.   Let's just make the festival, not the other stuff – John Morris
Joan Baez
14.   “The Last Thing On My Mind”
15.   “I Shall Be Released”
16.   He already had a very, very good hunger strike going
17.   “Joe Hill”
18.   “Drug Store Truck Drivin’ Man” – featuring Jeffrey Shurtleff 
19.   That brings us fairly close to the dawn – John Morris
20.   I guess the reason we’re here is music – John Morris
Quill
21.   “They Live The Life”
22.   “That’s How I Eat”

Disc Three
1.      Can those of you in the back hear well? – Chip Monck
Country Joe McDonald
2.     “Janis”
3.     “Donovan’s Reef”
4.     “The “Fish” Cheer/I-Feel-Like-I’m-Fixin’-To-Die Rag” 
5.     Those wishing to be lost, those wishing to be found – Chip Monck
Santana
6.     “Savor”
7.     “Jingo”
8.     “Persuasion”
9.     “Soul Sacrifice”
10.   An exciting set is understandable – Chip Monck
John B. Sebastian
11.   “How Have You Been”
12.   “Rainbows All Over Your Blues”
13.   “I Had A Dream”
14.   “Darling Be Home Soon”
The Keef Hartley Band
15.   Halfbreed Medley: “Sinning For You>Leaving Trunk>Just To Cry>Sinning For You”
16.   Bring Jerry's nitroglycerin pills to the Indian Pavilion – Chip Monck

Disc Four
1.     Go to Mr. Lang's office right away – Chip Monck
The Incredible String Band
2.     “Invocation”
3.     “The Letter”
4.     “Gather ‘Round”
5.     “When You Find Out Who You Are”
6.     If things aren't going well for you or whatever – Chip Monck & Hugh Romney
Canned Heat
7.     “Going Up The Country”
8.     “Woodstock Boogie”
9.     Can we have a little juice on this other microphone, please? – Bob Hite & Chip Monck
10.   “On The Road Again”
11.   It’s your own trip – Chip Monck

Disc Five
1.

Commenti