SEMrush

Luca Carocci "L’insuccesso mi ha dato alla testa" il video



L’insuccesso mi ha dato alla testa
il nuovo singolo di Luca Carocci

foto di Tamara Casula

CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO
CLICCA QUI PER ASCOLTARE IL BRANO

‘L’insuccesso mi ha dato alla testa’, il nuovo singolo di Luca Carocciè disponibile in tutti i digital store e in rotazione radiofonica da venerdì 19 luglio.

“L’insuccesso mi ha dato alla testa è un inno alla libertà – racconta Carocci. Ho voluto dar voce alla parte di me più leggera ma allo stesso tempo meno imbrigliata da dinamiche che spesso ci incastrano in un “noi” statico, che osa poco, che non vuole uscire da binari stilistici, che in qualche modo col tempo diventano caratterizzanti. L’arte è espressione non compiacimento, tanto meno di noi stessi. Anche nel video ho voluto riportare questa leggerezza, un po’ come dire, il diritto alla felicità… vista non come punto di arrivo ma come punto di partenza”. 
Nel videoclip, alcuni amici si ritrovano per caso all'interno di un locale latino (ricostruito all'interno del rinomato locale romano 'Na Cosetta), indossano abiti presi di nascosto dal backstage e decidono di improvvisare un pezzo. Mentre le note scorrono si rivive il flashback del perché e come sono arrivati lì, ad esibirsi davanti a quella sala piena di belle ragazze. Un pranzo, una fuga, un inseguimento, la fortuna di trovare una spalla, un live che si rivela un successo e poi... 
Il videoclip, nato da un'idea di Luca Carocci, è stato realizzato da Sound Meeter sotto la regia di Giacomo Latorrata e l'aiuto regia di Francesco Marioni, che nel video ha anche interpretato la parte del cameriere al fianco di Luca Bonafede. Ma i grandi nomi non si fermano qui: protagonisti del videoclip insieme a Luca Carocci sono infatti Libero de Rienzo, Stefano ScarfoneFrancesco ForniJose Ramon Caraballo Armas e Alessandro Pieravanti. 
Un cast d'eccezione per un video dalle diverse chiavi di lettura, tutte accompagnate dal sound unico e riconoscibile, quello del nuovo singolo di Luca Carocci.


CREDIT
L’INSUCCESSO MI HA DATO ALLA TESTA
L. Carocci/A. Pieravanti/L. Carocci

Luca Carocci: Chitarre, Basso, Percussioni, Synth
Alessandro Pieravanti: Voce
Jose Ramon Caraballo Armas: Tromba, Timbales, Congas, Voce
Simone De Filippis: Basso, Timpani
Stefano Scarfone: Chitarra Solista

Registrato e Mixato da Simone De Filippis al Verde Studio (Roma)
Mastering: Fabrizio De Carolis 
Prodotto da Luca Carocci e Simone De Filippis
**** 
TESTO
L’INSUCCESSO MI HA DATO ALLA TESTA
L. Carocci/A. Pieravanti/L. Carocci

L’insuccesso mi ha dato alla testa
E la festa di destra non mi sembra diversa
Dalla solita giostra, dalla stessa minestra
Dalla mostra che non mi interessa
Dalla vita che ti sembra avversa
Dalla vita che ci sembra avversa

Ma si sa che non bastano gli occhi
Che non è con un no, che la bufera si arresta
Che le mani fanno più della testa
Che le mani sanno più della testa

E tu dormi, per non dire che basta

E… se non sai ricordare
Se non sai valutare
Che cosa è bene o è male
E poi…che tutto è soggettivo
Che siamo appesi a un filo
Che tutto è relativo
… che oramai sentirsi vivo
E’ sempre meno alternativo

L’insuccesso mi ha dato alla testa
E quando cala la nebbia, ecco quello che resta
Questa vita è tempesta e c’è chi mi detesta
Ma vorrei fare la scelta più onesta
Lasciare che il vento mi tocchi la testa
Aspettare l’alba e poi fare festa

E… se non sai ricordare
Se non sai valutare
Che cosa è bene o è male
E poi…che tutto è soggettivo
Che siamo appesi a un filo
Che tutto è relativo
… che oramai sentirsi vivo
E’ sempre meno alternativo 
Ma allora lascia stare che non te la so spiegare la differenza tra bene e male, che c'ha provato sai che s'è incastrato e alla fine è rimasto fregato? Tu sei come me dentro hai una bufera e poi fuori è freddo ed è scesa la sera. Mettiti qui a sedere che il tempo è traditore, facciamolo insieme l'ennesimo errore.
E…se non sai ricordare
Se non sai valutare
Che cosa è bene o è male
E poi…che tutto è soggettivo
Che siamo appesi a un filo
Che tutto è relativo
… che oramai sentirsi vivo
E’ sempre meno alternativo

Commenti