SEMrush

LA NIÑA "NIENTE CCHIÙ" il video


E' appena uscito il video di LA NIÑA - NIENTE CCHIÙ

Queste le sue parole: Un lavoro importantissimo per me che ho la necessità di raccontare le storie su più piani. In questa canzone parlavo di una porta che pur chiudendosi mille volte resta sempre aperta, ed è per questo che volevo restituire anche visivamente questa sensazione di loop temporale.
Quando scrissi il brano pensai subito a Pina Bausch, la più nota esponente del Teatrodanza che ha basato la sua ricerca proprio sull’estetica della ripetizione.
Allora ho scelto di non cantare nel video, ma di omaggiare con umiltà e col linguaggio del corpo la sua lezione di vita e la sua poetica, grazie al prezioso supporto del danzattore Nyko Piscopo, che mi affianca nel video e mi ha guidata con esperienza e grande sensibilità. Insieme abbiamo scritto la coreografia, filmata in un unico piano-sequenza da KWSK NINJA e ideata su misura per lo spazio e le parole del brano.
Un’altro preziosissimo elemento cucito ad-hoc per la performance sono gli abiti disegnati da Salvatore Vignola, una di quelle persone che quando ti capitano nella vita puoi dirti fortunato di averle incontrate.
Grazie per questo piccolo-grande lavoro di squadra, grazie per aver supportato questa mia visione in bianco e nero.




Testo e musica LA NIÑA
Prod. by KWSK NINJA
Mix by KWSK NINJA e Mario Conte al Mobsound Electronic Room, Milano
Masterizzato da Jo Ferliga al Tapewave Mastering, Milano

Regia di KWSK NINJA

Da un’idea de LA NIÑA

Dancer Nyko Piscopo
Coreografia Nyko Piscopo, LA NIÑA
Fashion Salvatore Vignola

Si ringraziano:

Zako, Sara Lupoli, Dario Calise, Pina Bausch




LYRICS

Tirate ‘a porta
‘nzierrala forte
sùlo stanotte
sùlo stanotte
Famme sentì
‘na vota sola
comme si me vulisse ancora

Come, quando, perchè
dove siamo finiti?
Sembrava facile
non ci siamo mai capiti
Come si fa a sentire
dolore senza soffrire?
Come si fa a provare ancora amore?

E je nun voglio niente cchiù
tu sì veleno e niente cchiù
E mo famme cadé
ca stu dulore è niente cchiù

Luntano comme ‘a terra guarda ‘a luna
‘A vocca toja già sape ‘e quaccheduno

Chiure sta porta
si te ne ’e a jì
fallo stanotte
meglio stanotte
cerca ‘e capì
‘na vota bbona
ca je nun te sparto cu nisciuna

Come, quando, perchè
dove siamo finiti?
Sembrava facile
non ci siamo mai capiti
Come si fa a sentire
dolore senza soffrire?
Come si fa a provare ancora amore?

E je nun voglio niente cchiù
tu si veleno e niente cchiù
E mo famme cadé
ca ‘stu dulore è niente cchiù

E je nun crere a niente cchiù
si ‘o ddice tu, niente cchiù
o’ saje ca tu ppe me
sì tutt cos’ e niente cchiù

Si turnasse je ce stesse
ma nun ce credesse
tanto ‘o saccio addò vanno
a fernì tutt’ ‘e prumesse

Commenti