... ma è palese come siano alla fine le motivazioni a far la differenza



352 un dogma che non prevede stravolgimenti tattici. Evidentemente lo pensa Antonio Conte che per una partita pressocchè amichevole, resta fedele al suo modulo base costringendo Bernardeschi a rincorrere l'esterno irlandese. Motivazioni a parte l'aspetto saliente di questa amichevole partita per noi, fa risaltare come non ci sia nessuna intenzione di schiodarsi dal modulo prestabilito, nonostante le convocazioni di Insigne, El Sharawy e lo stesso viola.  Questa è la nota di cronaca più rilevante di una gara che l'Italia ha preso quasi come un impiccio, non mancando tra l'altro di farsi ammonire. Una partita brutta che l'Irlanda ha meritato di vincere ma non troppo dove Sirigu per noi è stato il migliore in campo e dove si è sentita non solo la mancanza di Chiellini, capace di portare palla oltre la metà campo quanto meno, ma anche di Giaccherini e di Parolo. Questa è di certo la nota più negativa... Di una serata che ha dimostrato le idee ferree del CT e la povertà comunque delle scelte a sua disposizione. Con la Spagna ci vorrà un'altra voglia, un'altra Italia, che ad oggi non parte battuta perché la nostra difesa e in grado di reggere Morata, Silvia e compagni, bisognerà compattarci da squadra e buttare dentro sangue, sudore, corpo e anima e altri luoghi comuni... Ma è palese come siano alla fine le motivazioni a far la differenza.



Sirigu: 7 non fa rimpiangere Buffon, dimostra sicurezza nonostante qualche uscita rischiosa

Bernardeschi: 5- costretto fuori ruolo dal CT fa quello che può ma è evidente la sua inadeguatezza

De Sciglio: rifà il compitino ma niente di più

Thaiago Motta: 5 non fa rimpiangere De Rossi ma non riesce mai a far ripartire l azione

Ogbonna: 5, lui si che fa rimpiangere Chiellini decisamente troppo statico e poco propositivo

Barzagli: 6 -, qualche fallo di troppo ma regge quasi fino alla fine

Bonucci 6  qualche lancio in meno, per non far arrabbiare Conte per il resto ordinato, poco più

Sturaro: 4,5 mai in partita ha fatto rimpiangere gli assenti ed è tutto dire

Florenzi: 5 altra delusione anche se almeno prova qualche vana sortita offensiva

Zaza: 5-, un paio di sponde sbagliate un paio giuste niente del centravanti che doveva spaccare il mondo

Immobile: 5,5 si muove come da logica più del compagno di reparto riesce a procurarsi persino un occasione nel torpore generale ma non basta di certo

Darmian: 5,5 Conte addirittura si copre nella ripresa, buona volontà e poc altro

Insigne: 6,5 un palo e tanto movimento negli scampoli che il mister gli regala, senza avere capito che da lui non si dovrebbe prescindere

El Sharawy: 5- entra alla fine, quando Conte sembra ricordarsi che siamo sempre l Italia e arriva per giunta il gol beffa irlandese

Antonio Conte: 5 si ostina a ripresentare il solito modulo, a insistere su Bonucci rischiando di perderlo per la Spagna e si ritiene soddisfatto della prova dei suoi, ma questa non è di certo un'aggravante

Commenti