Intercity: ascolta "Notturno"


A tre anni di distanza dall’ultimo lavoro, torna una tra la band pioniere dell'indie italiano: INTERCITY. Un collettivo che dal 2009 in avanti ha regalato gemme forse tanto preziose quanto mai abbastanza apprezzate, e che oggi ritorna trovando un panorama indie quasi al suo massimo splendore e lo affronta scegliendo il modo più folle e sconsiderato con un nuovo doppio disco, profondo e ambizioso LAGUNA”. Un album che si discosta non poco dal precendete  “Amur”, un lavoro ricco e maturo che permette alla band una differente ricerca sonora e un'esplorazione di territori del pop indipendente finora non toccati dal colletivo lacustre. “LAGUNA” è infatti un disco completo, una pubblicazione d’altri tempi, un viaggio lirico e sonoro lungo 22 episodi.
I respiri classici del pianoforte, del violino e del trombone, incontrano la modernità elettronica del synth e della drum machine, e vengono portati per mano dagli immancabili basso e chitarra. Una voce sognante, un poster di immagini evocative e fotografiche, una maniaca cura dei suoni fanno di “LAGUNA” una sfida importante, un'idea folle e romantica, ma soprattutto un disco pieno zeppo di belle canzoni.

I singoli “ Zenith”, cavalcata spaziale con un ritornello appiccicoso, la sfuggente “ Un Poster”, la psicopatica e claustrofobica “ Joshua” con la sua elettronica glaciale, la dance ballad “ L’Indiano”, canzone d’amore calda e sintetica, " Veracruz” la piccola hit dal sapore estivo, ma ancora la dirompente opening track “ Notturno”, e ancora “ Le piante di canapa” perfect pop song, la suite prog di “ Sweet panda”, proseguendo con “ Limbo” ballad malinconica e preziosa come un diamante. Questi sono solo alcuni dei brani, usciti in anteprima, che insieme al resto del materiale, fanno di “LAGUNA” un disco robusto, ma al contempo snello, complesso, ma facile da ascoltare,
 

INTERCITY / LAGUNA
Tracklist:

Volume 1

01 – Notturno
02 – L’Indiano
03 – Zenith
04 – Joshua
05 – Microcosmo
06 – L’Apollo
07 – Madrid
08 – Per un pochino di spazio
09 – Un poster
10 – Veracruz
11 – Ufo

Volume 2


01 – Sweet panda
02 – Scatto fisso
03 – Le piante di canapa
04 – Limbo
05 – Sparta
06 – Argo
07 – Primavere silenziose
08 – Oceani
09 – R.A.T.M.
10 – Disco Lab
11 – Periferie

"Notturno" Brano estratto da "LAGUNA", doppio album in uscita il 31 Agosto 2018 per Orso Polare Dischi / Dischirotti (c) 2018 web: https://www.facebook.com/intercitythe... email: intercityband@libero.it

guarda anche: ZENITH - https://youtu.be/MnT-bdzeiXU UN POSTER - https://youtu.be/rHatmy0ipDM L'INDIANO - https://youtu.be/izdKeaMZMHA JOSHUA - https://youtu.be/wf7Hj3CS7_M “Notturno” Corri a mezz’aria di qua, l’orbita terrestre che sia Da vita ad una nuova odissea, filo conduttore tra noi Non c’è quel distacco da sottile ironia Fredda e calma sei la normalità Mostra al vento la tua immensità, le nuove idee Non c’è mezza luna tra la nebbia o foschia Un blu notturno da penombra in città Un posto nuovo all’improvviso non sei distante Guardo con costante allergia la gente che s’annoia di più Che si lamenta come non mai Sapere quello che fa Non c’è quel distacco da sottile ironia Fredda e calma sei la normalità Mostra al vento la tua immensità, le nuove idee Non c’è mezza luna tra la nebbia o foschia Un blu notturno da penombra in città Un posto nuovo all’improvviso non sei distante Io in giorni stanchi assonnati per te Col pensiero a forza di gravità Conoscenze, nuove idee ritmiche a tempo Qui insieme per un senso di ortodossia Mischiando il punk, l’avanguardia e l’hardcore Bancone rosso che s’illumina a notte, a notte.

Commenti