9-1-1 (Fox/Fox Life)


“La cosa che mi fa impazzire è che una volta arrivati i soccorsi la maggior parte delle persone riattacca”

Dal titolo già si intuisce di cosa stiamo parlando: il 911 è il numero con il quale negli Stati Uniti di America le persone chiamano per ricevere aiuto, per qualsiasi motivo. “911, qual è l'emergenza” è la frase che sentiremo più spesso in questa nuova serie della Fox, in arrivo quasi in contemporanea anche in Italia su Fox Life. La serie infatti segue per la prima volta non solo la vita degli “eroi” che giornalmente corrono verso le richieste d'aiuto, uomini e donne, paramedici, poliziotti e vigili del fuoco, sempre in prima linea, che lottano per salvare una vita, ma anche quella di chi riceve queste chiamate, che deve calmare il panico di chi sta dall'altro lato della cornetta, lavoro non meno importante: è da lì che parte tutto, da quella chiamata. 


La serie è sostanzialmente un procedurale e per questo decisamente poco originale, ma comunque ha qualcosa di accattivante, le storie individuali dei protagonisti non sono da buttare via e il cast, a parte qualche elemento, è abbastante potente ed è ovvio che i tre che attirano più l'attenzione siano Peter Krause (“Six Feet Under”, “Dirty Sexy Money”, “Parenthood”), Angela Bassett (“American Horror Story”) e Connie Britton (“American Horror Story”, “Nashville”). Un cosa è certa, ci sono certe immagini molto crude in “9-1-1”: non è cosa da tutti i giorni vedere un neonato buttato nel water ed essere salvato da uno scarico del cesso. Però siamo molto vicini all'ambito “Chicago Fire”, le due serie sono fin troppo similari ed il successo di quest'ultima ha creato di conseguenza parecchi cloni - il prossimo sarà lo spin-off di “Grey's Anatomy” proprio rivolto ai vigili del fuoco. Come sempre in tv, quando qualcosa funziona, si tende ad esagerare, l'era dei vampiri, poi quella degli zombi, per poi passare attraverso i medical (ancora oggi troppo in voga) e quindi ai supereroi e ai vigili del fuoco che vanno per la maggiore ultimamente. Tornando al cast ed ai rispettivi personaggi interpretati: la Bassett è Athena Grant, poliziotta; Krause presta il volto al vigile del fuoco Bobby Nash, mentre Connie Britton interpreta Abby, colei che riceve le chiamate del 911, ognuno con una vita familiare non proprio felice chiusa nelle mura di casa. A questi si aggiungono il giovane vigile del fuoco Buck (Oliver Stark), la “cazzuta” Hen (Aisha Hinds) e l'asiatico Chimney (Kenneth Choi). Rockmond Dunbar (“Prison Break”) interpreta invece Michael Grant, marito di Athena che si scopre omosessuale, creando così malumori in famiglia. Personaggi attuali, ma come sempre molto stereotipati. E mentre un serpente strozza una ragazza scopriamo che la madre di Abby ha il morbo di Parkinson e che la donna preferisce stare ad ascoltare di morti imminenti e istanti di follia all'altro capo del filo piuttosto che a casa con la madre, nel frattempo Buck fa sesso a qualsiasi ora del giorno e della notte, sui tetti, dentro il camion dei pompieri: in ogni istante ne succede una diversa, senza un attimo di tregua. 


Alla poca originalità si aggiungono i dialoghi distillati e banali e più si va avanti e più sembra di vedere “Chicago Fire”, con facce diverse, ma con una trama similare. Il dislivello tra alcuni componenti del cast aumenta nel corso degli episodi: da un lato c'è una qualità attoriale eccellente, dall'altro ci troviamo di fronte ad un paio di elementi decisamente non all'altezza, come nel caso di Stark. E' una delle prime volte che Ryan Murphy, ideatore dello show - come di non si sa più quante serie in giro per il mondo – si affaccia ad un procedurale e lo fa bene, nonostante dal diretto interessato ormai ci si aspetti molto di più. Intanto, per una cifra da capogiro, notizia delle ultime ore vede Murphy lasciare dopo tanti anni la Fox per farsi strada in quel di Netflix. Un gran colpaccio per l'emittente on demand più famosa al mondo che si accaparra così il papà di American Horror (e Crime) Story.


Personaggi e doppiatori:
Athena Grant (Alessandra Cassioli)
Bobby Nash (Stefano Benassi)
Abby Clark (Roberta Pellini)
Evan “Buck” Buckley (Davide Albano)
Henrietta “Hen” Wilson (Daniela D'Angelo)
Howie “Chimney” Han (Nanni Baldini)
Michael Grant (Stefano Mondini)










Commenti