Un disco, un libro e un corto per Dante Brancatisano, il cantante in carcere da innocente e poi assolto


Con il libro "Detenuto senza colpa", il cantante Dante Brancatisano racconta la sua particolare e difficile storia di innocente che ha pagato ingiustamente con il carcere. A seguire uscirà anche un cortometraggio (con la presenza di numerosi attori tra i quali Ettore Bassi) e un singolo, "Certi giorni così", che anticipa l'omonimo Album nei negozi da gennaio 2015. Dante oggi è un uomo libero, anche se manca ancora l'ultimo sigillo alla sua posizione processuale, la sua corsa verso l'inferno l'ha raccontata nel libro “Detenuto senza colpa”, dopo che il carcere che gli ha rubato tre anni di vita. L'artista calabrese, accusato di "... aver portato la 'Ndrangheta nel Nord Italia", per il suo ultimo album si è ispirato al carcere bergamasco dove è stato detenuto tre anni prima che la Cassazione annullasse definitivamente il processo: "Nelle mie canzoni non predico odio. Mi fa schifo la mafia e al sindaco di Ponteranica chiedo di rimettere la targa di Impastato". Dante Brancatisano, infatti, è stato detenuto nel carcere di via Gleno, a Bergamo, per scontare una pena che la Cassazione, al terzo grado di giudizio, ha decretato essere ingiusta. L’accusa, pesantissima, parlava di associazione a stampo mafioso con la ‘Ndrangheta, ma non come “semplice” affiliato, addirittura come "capo bastone". Portato nel carcere bergamasco di massima sicurezza, Dante, che fino a quel momento si stava costruendo una carriera con il suo gruppo, "I Pitagorici" (con i quali ha fatto anche una tournée mondiale che ha toccato Stati Uniti e Australia), si è visto la vita bloccata. E' stato assolto in terzo grado, dopo che tutti i suoi presunti referenti nell'organizzazione sono stati prosciolti.
Il brano che anticipa il disco, "Certi giorni così" è una ballad tipicamente cantautorale dope la voce qui provata di Dante e quindi per questo "precaria" si fa portavoce dei sentimenti di un detenuto innocente: "Certi giorni sembra che non passano si, certi giorni sono peggio di un fottuto lunedì, certi giorni son così e cambiarli non puoi, tanto le luci del bar si accenderanno prima o poi". Qui potete ascoltare il brano: https://m.youtube.com/watch?v=0V1eE6F8oNU


Il Corto "Detenuto senza colpa", per la regia di Andrea Costantini (aiuto Regista Francesca Farneti) vede il seguente cast: Ettore Bassi, Euridice Axen, Giuseppe Zeno, Sergio Zecca, Biaggio Pica, Marco Iannone Rodolfo Castagna, Christian Marazziti, Nello Mascia nella parte del Boss Carmine Ferrato, con l’amichevole partecipazione anche di Valentina Carnelutti. Sceneggiatura: Andrea Costantini, Iole Masucci; Costumi: Giuliana Cau; Suono: Roberto Sestito; Scenografia: Alessandro Vannucci; Organizzatore Generale: Marco Mastrogiacomo; Montaggio: Lorenzo Peluso; Direttore della Fotografia: Vittorio Omodei Zorini; Musiche originali: Giordano Corapi. Una produzione Eden Music Record - Produzione Esecutiva Decibel. Ufficio stampa: Mariarosaria De Luca. Il Regista e la produzione ringraziano: Luca Ward, Emiliano Novelli, Giuseppe Avenia, Ferdinando De Angelis, Alessandro Pergola, Claudio Liberati, Simona Evangelisti, Eleonora De Sica.

Commenti