3% (Netflix)


Arriva dal Brasile una delle novità più interessanti per quanto concerne le serie televisive: "3%". creata da Pedro Aguilera e prodotta da Chesar Charlone e Tiago Mello per Netflix, è un perfetto mix di fantascienza distopica, profonda attualità e logiche da grande fratello, in un mondo diviso tra "troppo ricchi e troppo poveri", "paradisi artificiali e favelas degradate". Al compimento dei vent'anni i ragazzi che vivono nell'entroterra possono tentare di accedere all'Offshore mediante un processo di selezione. Solo il 3% di loro però avrà accesso alle porte del Paradiso, costruito da una coppia di fondatori che viene idolatrata come se fosse un vero e proprio Dio. Il processo, inutile dirlo è fatto di prove ai limiti della sopravvivenza che provocherà la morte di molti candidati perché chi solo dimostra di meritarselo fino in fondo può avere possibilità di cambiare la propria esistenza, il suo destino. 

Nel mezzo, la guerra intestina tra le stanze del potere e quella con i rivoluzionari infiltrati che vogliono uguaglianza. Se le dinamiche da talent, da big brother, fanno venire in mente pellicole come "So fucking what" e" Contenders Serie 7" uscite più o meno a ridosso dell'esplosione del fenomeno televisivo, piace la spiccata caratterizzazione dei protagonisti, con i flashback delle loro storie di vita precedente... perché sfrutta al massimo il meccanismo empatico che si cela dietro "un ipotetico televoto", che spesso privilegia il vissuto del personaggio piuttosto che la sua presunta arte, irridendolo con estrema intelligenza.  Tutto ciò però è reso sotto forma cinematografica e non da logiche televisive e quindi si innesca una voluta e centrata "pesantezza di fondo", un approfondimento necessario per capire realmente chi c'è dietro una persona, che cozza ottimamente con la velocità fagocitante dei tempi tecnici di messa in onda. 

Il risultato è straordinario perché non solo vengono chiarite le azioni dei personaggi ma passione e mistero viaggiano di pari passo, narrati con così estrema accuratezza e le puntate nonostante tutto, non perdono ritmo perché a prevalere è l'intensità della trama. Da non perdere assolutamente.
Frasi tratte dalla serie:
"- La gente da sempre per scontato che sarà pagata per il suo lavoro, che le risorse siano infinite, e che ci sia giustizia nel mondo ma tu sai bene Joana che non c'è giustizia nel mondo ed è in momenti come questi che la gente mostra la sua vera natura"
"- Andrà tutto bene perché tu crei il tuo merito perché te lo meriti"
"- Ora potete considerarvi persone vere, siete il 3%"
"- C'è molto da purificare, ma è solo questione di tempo"
"- C'è solo una differenza nelle persone: quelle che hanno merito e quelle che non ce l'hanno punto"

Interpreti e personaggi:
Bianca Comparato: Michele
João Miguel: Ezequiel
Mel Fronckowiak: Julia
Michel Gomes: Fernando
Vaneza Oliveira: Joana
Viviane Porto: Aline
Rodolfo Valente: Rafael
Rafael Lozano: Marco


Commenti